Da Microsoft 500 milioni di dollari per le case popolari a Seattle

0
898
By Kuhlmann /MSC via Wikimedia Commons

La società di Bill Gates destinerà 500 milioni di dollari per affrontare la crisi abitativa a Seattle. Sono previsti 475 milioni di investimenti e una donazione da 25 milioni, che serviranno a costruire nuove case a prezzi accessibili, migliorare quelle esistenti e collaborare con organizzazioni non profit. L’obiettivo principale è ridurre le disuguaglianze sul territorio.

Non è la prima volta che il nome di Bill Gates è associato a donazioni benefiche. Stavolta però i contributi non arrivano dalla sua fondazione filantropica, ma direttamente da Microsoft. Secondo il New York Times, è la maggiore iniziativa di una società hi-tech per ridurre le disuguaglianze nell’area.

Come si legge in una dichiarazione di Brad Smith, presidente di Microsoft, e Amy Hood, Cfo, la nascita delle grandi società a Seattle (come Amazon e la stessa Microsoft) ha portato crescita, lavoro e persone. Dal 2011, i posti di lavoro nella regione sono cresciuti del 21%, mentre la costruzione di nuovi alloggi è rimasta al 13%. Questo divario tra lavoratori e immobili disponibili ha causato un aumento del 96% dei prezzi delle case, rendendo la regione di Seattle la sesta più costosa degli Stati Uniti. Per i lavoratori a reddito medio-basso è diventato impossibile permettersi di vivere vicino a dove lavorano. Anche il numero di senzatetto è aumentato. Microsoft vuole garantire un’offerta immobiliare a prezzi inferiori a quelli attuali.

«Un’azienda sana deve essere parte di una comunità sana. E una comunità sana deve avere case che siano alla portata di ogni membro della comunità, comprese le persone che forniscono servizi indispensabili per tutti», come insegnanti, vigili del fuoco e infermieri.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.