Dal 2023 a Venezia si entrerà soltanto pagando

838

Con il nuovo anno Venezia sarà la prima città al mondo dove per entrare ci vorrà un ticket di prenotazione e, se raggiunta la soglia massima di sopportabilità (che non è ancora stata indicata), anche pagare.

 

Per il ponte di Ognissanti, Venezia ha accolto trai suoi vicoli, canali e ponti, quasi 200mila turisti in 48 ore. 90mila visitatori il sabato, stesso numero per il giorno successivo. I parcheggi pieni e i vaporetti stracolmi, che partono lasciando decine di passeggeri a terra, con code lunghissime. Senza contare la fila di auto incolonnate sul ponte della Libertà. Ma cosa succederà dal 16 gennaio?

Secondo le ultime indicazioni, il biglietto costerà 3 euro se la prenotazione avviene fino a 4 giorni prima, salendo poi a 10 euro se fatta all’ultimo minuto. Il prezzo aumenterà anche in base alla stagione e al numero di turisti già presenti in città.

 

Per regolamentare i flussi turistici e programmare i servizi pubblici saranno previste:

  • Soglie giornaliere di presenze, anche differenziate nel corso dell’anno e/o per categorie di esenzione, superate le quali il contributo di accesso può subire un aumento.
  • Singoli giorni o periodi dell’anno nei quali applicare una diversa misura del contributo di accesso.
  • Fasce orarie della giornata nelle quali NON applicare il contributo di accesso.
  • Periodi in cui NON applicare il contributo per l’accesso a determinate isole minori della laguna.
  • Possibilità di ridurre il costo del contributo di accesso se prenotato con largo anticipo.

 

Chi deve pagare e chi è esente

Dovranno pagare tutti coloro che entreranno in città escludendo gli abitanti di Venezia, i residenti della Regione Veneto, i pendolari, disabili e accompagnatori, partecipanti a competizioni sportive, gli studenti.

 

Perché la scelta del ticket

Sono circa 50mila i residenti di Venezia, con sempre più affitti brevi per turisti e costi alle stelle. Si parla di quasi 23 milioni di visitatori all’anno. Questo comporta grandi disagi per la città che si trova a combattere ogni giorno con il sovraffollamento turistico, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo dei vaporetti.

 

Il problema degli affitti brevi

Venezia ha un altro problema, l’aumento degli affitti brevi, con circa 7mila abitazioni destinate a locazione turistica regolarmente censite, ossia 30mila posti letto, mentre continua a perdere abitanti, che ora sono poco meno di 50mila, a fronte del 2000 che ne vedeva 65mila e del 1950 con 175mila. E la Serenissima non è la sola. Stessa situazione anche per altre città d’arte come Firenze, Verona e Bologna.

 

Come funzionerà la prenotazione?

Da gennaio 2023 ci sarà una piattaforma multicanale e multilingua, realizzata da Venis SpA, accedendo alla quale si potrà ottenere il titolo (es. QR-CODE) da esibire in caso di controlli, con tutte le relative informazioni. Il sistema verrà gestito dalla Smart Control Room, un innovativo progetto che consente il monitoraggio completo ed efficiente della città lagunare. Il progetto di alto livello tecnologico e di sicurezza per caratteristiche e peculiarità legate anche al contesto geografico, è unico in Italia. Si tratta di una “torre di controllo” nella quale confluiscono in tempo reale un’imponente quantità di dati: dal numero delle persone presenti in città alle tipologie di barche nei canali, dai passaggi dei mezzi pubblici (stradali e acquei) al controllo del flusso turistico, fino alle previsioni meteo e la situazione dei parcheggi. Tutti questi dati, rielaborati garantendo il pieno rispetto della privacy, contribuiscono a ottimizzare i servizi pubblici e a progettarne di nuovi, funzionali alle esigenze dei cittadini.

Insomma, una specie di Grande Fratello. Ma la privacy che fine farà?

Anche il New York Times aveva descritto qualche timore per il tracciamento eseguito dalla Smart Control Room, definendolo “distopico“. Siamo nel 2023 o nel 1984?

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteLa Commissione Europea chiede ad Airbnb le generalità degli ospiti
Prossimo articoloImprese sociali