Dal biotech nuovi modelli di impresa in grado di cambiare il mondo

622
Sgaravatti assobiotec biotech
Elena Sgaravatti, vice presidente Assobiotec

C’è chi trasforma in birra le eccedenze di pane di ristoranti e fornai, chi ricava un distillato dalle proprietà antinfiammatorie dagli scarti dell’olio d’oliva e chi dà vita a una casa sostenibile partendo dai funghi. Sono i nuovi imprenditori del biotech, che con i loro modelli di impresa vogliono avere un impatto positivo sulla salute del pianeta e dell’uomo, riducendo gli sprechi, dando una seconda vita ai rifiuti e non solo. Racconteranno le loro storie oggi 5 ottobre, in diretta web, durante l’evento One health, la salute del pianeta è la salute dell’uomo, organizzato da Federchimica Assobiotec, l’associazione che rappresenta 130 imprese e parchi tecnologici e scientifici che operano in Italia.

Segui la diretta qui:

Nel nostro Paese il settore delle biotecnologie conta oggi più di 700 imprese, 13mila addetti e oltre 11 miliardi di fatturato. Le micro e piccole imprese superano l’80% del totale, tante (e in aumento) sono le startup innovative. E il trend è in crescita: secondo l’Ocse, il settore rappresenterà il 2,7% del Pil globale entro il 2030.

Durante l’evento, condotto dal giornalista Giampaolo Colletti, interverranno Elena Sgaravatti (vicepresidente di Assobiotec), Gianni Silvestrini (direttore scientifico Kyoto Club e QualEnergia), Deborah Piovan (Cibo per la Mente), Sara Roversi (presidente Future Food Institute), Mariagiovanna Vetere (direttrice affari istituzionali Cluster Spring).

Le storie

E si racconteranno i rappresentanti di quattro imprese. Mogu realizza materiali innovativi, durevoli e biodegradabili per l’interior design, utilizzando il micelio dei funghi. La cantina Caviro recupera i sotto-prodotti derivati dalla filiera vitivinicola e agroalimentare trasformandoli in biometano e prodotti nobili per l’alimentare, il farmaceutico, l’agricoltura. Bioenutra crea un distillato antinfiammatorio e antiossidante usato in cosmetica e nutraceutica dallo scarto dell’olio. Biova Project trasforma il pane scartato da grande distribuzione, ristoranti e panificatori in birra artigianale.

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.