fbpx

Lorenzo Insigne: dalla strada alla Nazionale

Tra i 23 azzurri che il ct Antonio Conte ha portato con sé in Francia per Euro 2016 c’è anche uno “scugnizzo”: Lorenzo Insigne.

Nato e cresciuto nella difficile provincia partenopea, dove il calcio è anche opportunità di riscatto sociale, Lorenzo è il secondogenito di una famiglia composta da papà Carmine e mamma Patrizia che hanno quattro figli, tutti calciatori dietro alla passione del papà che da giovane era dilettante. Uno dei fratelli, Antonio, ricorda: “Ho insegnato io a Lorenzo a calciare. Giocavamo insieme quaggiù e ce le siamo fatte tutte le terre qui intorno. Lorenzo perdeva con me, e piangeva. Aveva neanche sette anni e non ammetteva sconfitte. Io ridevo, poi baravo. Lo facevo vincere così non ero costretto a sentirlo“.

La difficile realtà: pochi soldi e lavoro precario
Una famiglia umile ma molto unita. I soldi scarseggiano, ma papà Carmine lavora duro per non far mancare nulla alla famiglia. Ma un giorno la strada si fa durissima: la fabbrica di scarpe nella quale lavorava Carmine chiude. Si ritrova disoccupato, ma bisogna arrangiarsi e i figli sono pronti a rimboccarsi le maniche e dare una mano. Così anche Lorenzo inizia a lavorare e al mattino vende vestiti al mercatino di Frattamaggiore mentre al pomeriggio si allena. Arrivano i primi spiccioli e si compra le scarpe dell’idolo Ronaldo per sé e per suo fratello Antonio. Lorenzo non è uno di quelli che pensano che il successo arrivi per caso. Mentre i suoi coetanei se la spassano, lui corre dietro a un pallone per inseguire un sogno.

“Sei nato picolino, che cosa ci vuoi far…”
Ma a ostacolarlo sulla strada del successo c’è anche un problema fisico: l’altezza. Lorenzo è troppo basso di statura e sin dal primo giorno alla scuola calcio, a 8 anni, chi lo osserva lo giudica troppo piccolo. Ma con la palla tra i piedi il ragazzino incanta. Accade così che Giuseppe Santoro, allora responsabile del settore giovanile del Napoli lo nota e si innamora di Lorenzo e fa di tutto per portarlo a giocare in maglia azzurra. Per 1.500 euro Lorenzo passa al Napoli all’età di 15 anni, cresce e convince prima con gli Allievi e poi con la Primavera. Nella stagione 2009-2010 segna 15 gol che gli valgono anche l’esordio in prima squadra che avviene il 24 gennaio 2010, durante Livorno-Napoli.

L’incontro decisivo, le difficoltà e l’esplosione
Il Napoli lo manda “a farsi le ossa” viene prestato prima alla Cavese e poi al Foggia dove incontra il guru Zdenek Zeman che legge subito il grande potenziale di Insigne. Gli inizi per Lorenzo sono durissimi: lontano da casa, manca la famiglia e assaggia la frusta di Zeman. Ma a fine anno i numeri parlano chiaro: 33 presenze e 19 gol. Zeman lo adora e l’anno dopo lo porta con sé a Pescara. Qui stupisce tutti e porta la squadra abruzzese in serie A realizzando 18 reti e 14 assist. È arrivato il momento di tornare a casa, firma un contratto col Napoli fino al 2017. In un Napoli-Palermo del 2013 gioca pochi minuti di partita con il fratello Roberto che all’epoca giocava nella squadra Primavera. Una gioia immensa per papà Carmine che vedrà i suoi due figli per qualche minuto giocare insieme. Arriva il primo, stupendo gol in Champions League al Borussia Dortmund. Ma a Napoli il rapporto con gli esigenti tifosi è difficile, viene fischiato e lui è deluso. A novembre 2014 poi piove sul bagnato: si infortuna gravemente al ginocchio. Lorenzo è costretto a un lungo stop dopo il quale potrebbe non ritornare quello di un tempo data la gravità dell’infortunio. Ma ad aprile rivede il sole e contro la Sampdoria segna un gol fantastico. È la fine di un incubo, delle polemiche, dell’infortunio e della sofferenza di quei mesi. E il “piccolo” Lorenzo sogna di fare grande l’Italia.

Cambio vita e mi trasferisco

Stipendi: 5/6.000 euro al mese un operaio, 6/7.000 un insegnante, 9/10.000 un medico. Aprire una società è molto più semplice che in Italia. Come ottenere

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

Il futuro delle riunioni di lavoro

+153% di riunioni settimanali, ma ne abbiamo davvero bisogno?   “Sono in meeting, ho una riunione, ho una call”. Un recente studio di Otter.ai ha

Nuovo anno, nuove regole sul lavoro

Dallo smart working alla flat tax, ecco cosa ci porta il 2023   Dal 1° gennaio 2023 sono cambiate le regole per lo smart working.

Italia: la miglior cucina del mondo

La piattaforma TasteAtlas proclama vincitrice L’Italia, votata come la miglior cucina del mondo tra 50 paesi partecipanti   TasteAtlas è una sorta di guida online,

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.