Desigual: 4 giorni di lavoro a settimana, a stipendio ridotto. La proposta dell’azienda al voto dei dipendenti

6599
desigual barcellona
La sede centrale di Desigual a Barcellona

La casa di moda spagnola propone ai dipendenti della sede centrale la settimana di lavoro cortissima: quattro giorni anziché cinque, di cui tre in ufficio e uno in smart working. Non a parità di stipendio, come altri già hanno fatto, ma con una riduzione in busta paga del 6,5%. Saranno i dipendenti a votare la proposta il 7 ottobre. E, solo in caso di approvazione Desigual, introdurrà il nuovo modello.

Il 9 settembre il fondatore dell’azienda Thomas Meyer ha presentato l’iniziativa ai lavoratori, illustrandone i dettagli e il processo di voto. L’obiettivo dichiarato è «aumentare la soddisfazione dei dipendenti, il loro benessere e la loro salute», grazie a un maggior equilibrio tra vita privata e lavoro.

«Gli ultimi mesi ci hanno dimostrato che possiamo organizzare il nostro lavoro e i nostri team in modo diverso, pur rimanendo efficienti e dando priorità a ciò che è veramente importante» ha commentato l’ad Alberto Ojinaga. «Credo che questa settimana lavorativa di 4 giorni (3+1) sia una sfida che ci renderà più appetibili come organizzazione. Ci permetterà di attrarre i migliori talenti e dimostrerà che siamo un’azienda diversa, dirompente, giovane e ottimista, che si trasforma costantemente e non ha paura di proporre nuove idee».

Se approvata, la nuova organizzazione riguarderà 502 persone. Quasi tutti i lavoratori della sede di Barcellona, tranne i team di vendita e operazioni, lavorerebbero dal lunedì al giovedì, con la possibilità di fare smart working in uno di quei giorni. La settimana lavorativa si ridurrebbe di 5 ore, passando dalle attuali 39,5 a 34,5.

Più tempo libero, ma meno soldi in busta paga. L’eventuale accordo tra azienda e dipendenti comporterebbe una riduzione dello stipendio proporzionata alla riduzione delle ore (13%). Desigual propone di farsi carico dell’onere al 50%. Il taglio finale in busta paga sarà quindi del 6,5%.

La parola ora passa ai dipendenti. Il voto è previsto per il 7 ottobre. Nelle prossime settimane, l’azienda darà tutte le informazioni necessarie a sciogliere ogni dubbio sul nuovo modello. In più i dipendenti potranno partecipare a un test pilota per valutare in modo diretto i benefici della settimana corta.

«Siamo consapevoli che si tratta di una proposta molto audace, che può creare qualche incertezza» ha spiegato Coral Alcaraz, direttore dell’area People di Desigual. «E per noi è essenziale che la misura riceva l’appoggio della maggioranza». I voti a favore dovranno essere il 66% o più.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.