Ecco perché dovremmo imparare a chiedere quello che vogliamo

3612
reputazione leader

Ti è mai capitato di vedere persone senza particolari talenti scalare le classifiche del successo e chiederti: ma come fanno? Come hanno fatto a passare da stagista a manager in così poco tempo? Cosa fanno che io non faccio? In fin dei conti abbiamo avuto tutti un compagno di università che a fatica passava gli esami, ma che quando si è trattato di carriera ha saputo agilmente e agevolmente fare il salto di ruolo e stipendio che in tanti non fanno in una vita intera. E quindi, cosa ha fatto di tanto magico? E se la risposta fosse che ha imparato un’importantissima capacità sulla quale non ti sei mai soffermato a pensare? La capacità di chiedere. Proprio come quando all’università ti chiedeva prima dell’esame di risolvergli quell’esercizio che non sapeva risolvere.

Pensaci bene, se non chiedi la risposta sarà sempre no. Se non insegui quello che desideri, non lo otterrai. Se non fai un passo avanti ogni giorno per raggiungere la meta, rimarrai fermo al palo.

Che cosa chiedere dunque? Valutiamo insieme 4 diversi possibili scenari.

1. Se fai benissimo il tuo lavoro, ti aspetti una promozione. Il tuo capo invece non ha nessuna intenzione di spostarti da dove sei. Perché? Perché fai cosi bene il lavoro e lui non ha nessun incentivo a spostarti e dover insegnare il tuo lavoro a qualcun altro. Se vuoi una promozione, chiedi. Svolgi al meglio il tuo ruolo, sottolinea i risultati che hai ottenuto e alla prima occasione, chiedi la tua meritata promozione.

2. Se parliamo di stipendio, gli aumenti nei budget aziendali vanno pianificati in anticipo. Hai un certo stipendio e l’azienda pensa che ti vada bene, quantomeno finché non fai presente il contrario. Molte persone, per timore di chiedere un aumento preferiscono andare via, cambiare azienda, senza rendersi conto che le possibilità si possono trovare anche dove siamo. Non è infatti inusuale trovarsi in situazioni in cui si presentano le dimissioni e l’azienda rilancia offrendo un migliore stipendio, o un avanzamento di carriera. E ci si pente di non averlo chiesto prima. E tanti saluti.

3. Sei senza lavoro e hai timore di chiedere al tuo giro di amici e conoscenti, o a uno sconosciuto su LinkedIn di aiutarti a trovare un’occupazione. Per timore di essere deriso o ignorato, non chiedi. Ma se non chiedi, la risposta sarà sempre no. Non ci saranno possibilità a bussare alla tua porta. A meno che tu non sappia come farti trovare, ma anche a quel punto sarai sempre tu a dover chiedere per esempio, nei modi e tempi giusti, un’equa retribuzione.

4. Se hai un lavoro e vorresti un lavoro migliore. Anche qui vale lo stesso il discorso di prima. Bisogna chiedere. Se nell’azienda per cui si lavora attualmente non ci sentono, allora bisogna bussare ad altre porte. Quante porte? Tutte quelle possibili finché non si trova quello che corrisponde a ciò che si desidera. Non farti fermare dai primi no.

chiedereIn tanti pensano che basti chiedere una sola volta per ottenere quello che si desidera. Molti studi hanno invece dimostrato il contrario. Per esempio, si stima che la maggior parte delle vendite avvenga dopo il quinto contatto del venditore al potenziale cliente, eppure la maggior parte dei venditori si arrende al primo tentativo.

Similmente su LinkedIn, svariati studi hanno dimostrato che alla prima richiesta risponde circa il 60% delle persone, questo numero sale a circa il 90% dopo il terzo messaggio. In particolare se nel messaggio, prima di chiedere, anche noi offriamo di aiutare l’altra persona.

Pertanto se oggi stai pensando a come ottenere quello che vuoi dalla vita, ricordati di chiedere, ma ricordati anche, prima di chiedere, di dare. Sarà infatti molto più probabile ricevere una risposta se nel chiedere qualcosa per noi, prima offriamo qualcosa agli altri. E se non risponde nessuno? Ricordati che è sempre l’ultima chiave del mazzo quella che apre la porta. Non arrenderti. Basta un solo sì a cambiare la vita per sempre.

Tratto da Millionaire di luglio-agosto 2021. 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.