L’editoriale di febbraio. Gabriele Gregori, 19 anni, campione di canottaggio e il sogno di un mondo pulito

1610
gabriele gregori

È una promessa del canottaggio. Ha 19 anni appena compiuti e due grandi sogni: quello di andare alle Olimpiadi di Los Angeles nel 2028 e di ripulire il Po, la sua casa. «Voglio restituire qualcosa al Grande fiume. Che tanto mi ha dato».

editoriale febbraio millionaire
L’editoriale di Millionaire di febbraio

Si chiama Gabriele Gregori, è arrivato quinto ai campionati italiani nel singolo, categoria Junior. È un campione. Ogni giorno scende al fiume per allenarsi con la Bissolati Cremona. Poi, finiti gli allenamenti, cambia barca e ritorna in acqua per pulirla dai rifiuti. In attesa di raccogliere medaglie, raccoglie spazzatura. Trova di tutto. Bottiglie, ma anche bombole del gas, porte blindate, lavatrici, lavastoviglie.

Partito in solitaria, a settembre 2021, oggi ha lanciato l’iniziativa #RiPopuliamo. Vuole convincere i ragazzi a tornare sul fiume e a ripulirlo. Prima discesa in gruppo il 23 gennaio, 30 persone, ragazzi come lui con lo stesso obiettivo: la sostenibilità.

«Vivo sul Po, la prima volta che sono stato in canoa avevo 6 mesi. Vado in barca per allenarmi, per riflettere, quando voglio stare solo, quando mi voglio divertire. Ho rivisto un video: io piccolissimo, a pesca col nonno, dopo 5 ore ho pescato un sacco di immondizia enorme. Ho pensato: come posso attirare i giovani sul fiume se ci sono i rifiuti? Nessuno vuole vivere in un luogo sporco».

Detto, fatto. I rifiuti piccoli li butta nei cestini. Quelli più grandi li porta in discarica. Grazie a questo progetto è rinato anche lui. «Tra la seconda e la quarta superiore ho perso la motivazione, non riuscivo a realizzare i miei sogni. Sono stato bocciato. Oggi frequento la IV liceo scientifico. Con questo progetto mi sono accorto delle mie potenzialità…».

Rinato sulle sponde del Po, Gabriele si è impegnato per far rinascere anche il fiume. Così sono arrivate le interviste, i giornali, la tv.

«Sogno di condividere il mio progetto con più persone possibili e di trasformarlo in un lavoro».

«In questi mesi ho capito tante cose. Che vali anche se sei bocciato a scuola. Che puoi fare la tua piccola parte nel mondo. E che devi essere grato. Io, in primo luogo, lo sono a mia mamma».

«Quando ero piccolo mi obbligava a raccogliere i resti dei palloncini con cui alla Canottieri facevamo i gavettoni. Anche nei giorni in cui non giocavamo, se li vedeva per terra, me li faceva raccogliere. Diceva: “Magari sei stato tu ieri”. Allora brontolavo, eppure la mia voglia di avere un mondo pulito è nata proprio lì, in quei giorni, grazie a lei. Oggi le sono grato. E le chiedo scusa: pulisco il fiume, ma in casa sono un disastro, sono disordinato o non rifaccio il letto».

Piccoli eroi. La gratitudine è un sentimento bellissimo. È quello che vorremmo provare a praticare insieme per tutto il mese di febbraio.

#Gratitudine è il nostro hashtag. Raccontateci sui social perché siete grati alla vita.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIl cantico degli innovatori
Prossimo articoloMoneyfarm chiude un nuovo round da 53 milioni di euro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.