Facebook assume in Europa: creerà 10mila nuovi posti di lavoro in 5 anni

3317
facebook lavoro
La sede di Facebook a Dublino

Il colosso dei social annuncia un piano di assunzioni in Europa. Creerà 10mila nuovi posti di lavoro nei prossimi cinque anni. Con un obiettivo: costruire il “metaverso”, la piattaforma informatica del futuro. «L’Europa è estremamente importante per Facebook» dicono i VP dell’azienda Nick Clegg e Javier Olivan. «A partire dalle migliaia di dipendenti presenti, fino ai milioni di aziende che utilizzano le nostre app e i nostri strumenti ogni giorno, l’Europa è una parte importante del nostro successo, come lo è Facebook del successo delle aziende europee e dell’economia in generale». Da qui la scelta di puntare sul Vecchio continente per sviluppare il nuovo ambizioso progetto.

Che cos’è il metaverso

Il termine metaverso, preso in prestito dalla narrativa fantascientifica, indica la nuova frontiera del web. Un insieme di esperienze interconnesse, ibride (fisiche e digitali insieme), che usano tecnologie come la realtà virtuale e aumentata.

«Il metaverso si basa sull’idea che rafforzando la sensazione di “presenza virtuale”, l’interazione online può diventare molto più vicina all’esperienza che si ha con le interazioni di persona» spiegano da Facebook.

Come nel caso di Internet, una sua caratteristica distintiva sarà di essere aperto. Non ci saranno proprietari né aziende che da sole lo gestiranno. Ma Facebook, come ha anticipato in estate lo stesso Mark Zuckerberg, ha intenzione di puntare molto sulla novità, con investimenti continui sul prodotto e sulle persone. E l’idea che il metaverso possa creare nuove opportunità creative, sociali ed economiche.

Perché in Europa

«Questo è un momento entusiasmante per la tecnologia europea» dicono Clegg, VP Global Affairs, e Olivan, VP Central Product Services di Facebook. Ci sono aziende all’avanguardia in diversi campi, Paesi, come la Spagna, che stanno registrando alti livelli di investimenti in startup innovative, mentre la Svezia è pronta a diventare, entro il 2023, la prima società al mondo senza contanti.

L’Europa offre diversi vantaggi: «Un mercato di grandi dimensioni, università eccellenti e soprattutto talenti di alto profilo… Da tempo crediamo che il talento europeo sia leader a livello mondiale. Ed è per questo che abbiamo effettuato investimenti consistenti nel corso degli anni» dicono Clegg e Olivan, citando vari esempi. Come l’apertura di un laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale in Francia o la sede dei Facebook Reality Labs a Cork.

Per far nascere il metaverso sarà necessaria la collaborazione «tra aziende, sviluppatori, creator e politici». E anche sul fronte della regolamentazione, Facebook crede che troverà in Europa il terreno ideale. L’Unione europea avrà “un ruolo importante nel definire le nuove regole di internet» spiega l’azienda.

La priorità ora è trovare ingegneri altamente specializzati. «Non vediamo l’ora di lavorare con i governi di tutta l’Ue per trovare le persone giuste e i mercati giusti per portare avanti questo obiettivo, come parte di una prossima campagna di reclutamento che avverrà in tutta la regione».

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. Non riesco a capire come l’opinione pubblica sia così discordante con i fatti che dimostra l’azienda. A stare a leggere qui è lì sul web sembra quasi che facebook stia in procinto di fallire…ovviamente io non sono d’accordo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.