fbpx

Fringe benefit: il bonus per sostenere le spese energetiche

La misura che si pone l’obiettivo di sostenere gli italiani rischia di non attuarsi per mancanza di adesioni e tempistiche troppo strette.

 

Per far fronte all’aumento esponenziale delle bollette che rischia di mettere in seria difficoltà la stabilità economica degli italiani, il Governo Meloni ha pensato di istituire un bonus esentasse da versare nelle buste paghe dei lavoratori. A quanto pare però, la misura sembra essere stata fatta senza prendere in considerazione i tempi e i bilanci delle aziende e per questo rischia di rimanere prevalentemente sulla carta.

Secondo quanto istituito dal decreto Aiuti quarter, in vigore dal 18 novembre la soglia di esenzione fiscale di questa forma di retribuzione è passata da 600 a 3mila euro. L’obiettivo del governo è quello di fornire ai lavoratori un sostegno ulteriore per far fronte alla crisi economica e ai rincari dell’energia.

 

Il duplice vantaggio

La misura sarebbe stata fatta per portare vantaggi sia a lavoratori che imprese, infatti il bonus avrebbe la peculiarità di dare ai dipendenti delle aziende la possibilità di sostenere le spese aggiuntive permettendo a quest’ultime di mettersi avanti nel versamento delle imposte, peccato però che a causa degli aumenti anche le imprese, soffrono le difficoltà economiche in cui si trovano le famiglie. Apparentemente infatti, sembrano poche le imprese che aderiranno al Fringe benefit. «La maggior parte delle aziende non li potranno erogare poiché non sono nelle condizioni di poterlo fare dato l’aumento delle materie prime e dei costi energetici» dichiara Carlo Bonomi, presidente di Confindustria.

 

Fringe benefit, il bonus dell’ultimo minuto

Tuttavia, per chi invece è nelle condizioni di poterlo fare, si ritrova con tempi strettissimi. La misura, infatti sarebbe riferita all’anno di imposta 2022 con una scadenza al 12 gennaio 2023. Ciò implica che le aziende in trenta giorni risicati dovrebbero calcolare se dare o meno questo bonus ai propri dipendenti. Peccato che la maggior parte delle imprese, soprattutto quelle più grandi, abbiano già chiuso i bilanci di quest’anno e non potranno più contabilizzare i Fringe benefit. Nonostante la misura presenti un duplice vantaggio, permettendo ai lavoratori di ricevere una busta paga più cospicua e alle imprese di dedurre completamente queste spese dal reddito d’impresa, rimane quindi il dissenso dovuto alle difficoltà che questa misura porterebbe alla contabilità delle aziende.

Il successo della manovra, quindi, dipenderà principalmente dalla capacità del governo di elasticizzare la misura ristabilendo i vantaggi su entrambi i fronti.

 

 

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.