I giorni senza connessioni aumentano la produttività? La risposta potrebbe sorprenderti.

I giorni senza connessioni aumentano la produttività? La risposta potrebbe sorprenderti

Di
Marco Fontana
29 Settembre 2023

Benvenuti nel futuro del lavoro, dove il tradizionale orario 9-17 viene sostituito da orari flessibili, lavoro da remoto e ora, “giorni senza connessioni”, conosciuti anche come giorni in cui le aziende danno ai dipendenti la libertà di allontanarsi dalle loro scrivanie, non partecipare a riunioni e persino prendere il giorno libero. Questa tendenza emergente è progettata per combattere l’esaurimento e promuovere l’equilibrio tra lavoro e vita privata, e quindi aumentare la produttività. Ma funziona davvero?

I benefici psicologici: più di un semplice giorno libero

A prima vista, i “giorni senza connessioni” possono sembrare semplicemente un giorno libero. Tuttavia, l’impatto psicologico è molto più profondo. Questi giorni servono come un “pulsante di reset” mentale, permettendo ai dipendenti di ricaricarsi e rifocalizzarsi. L’assenza di riunioni e scadenze crea un ambiente a bassa pressione, promuovendo creatività e innovazione. I dipendenti tornano al lavoro con un rinnovato senso di scopo, pronti ad affrontare le sfide con prospettive fresche.

Contrariamente all’idea che i “giorni senza connessioni” siano una perdita di produttività, possono effettivamente migliorare le prestazioni complessive. Uno studio pubblicato nella Harvard Business Review ha scoperto che i dipendenti che prendono giorni liberi sono più produttivi, coinvolti e meno propensi a lasciare il loro lavoro. I benefici si estendono anche ai datori di lavoro, con tassi di turnover più bassi e soddisfazione dei dipendenti più alti. In sostanza, i “giorni senza connessioni” possono essere un investimento strategico nel capitale umano, che rende dividendi a lungo termine.

Sebbene il concetto sia promettente, ci sono potenziali svantaggi. Ad esempio, alcuni dipendenti potrebbero abusare della libertà, portando a ritardi nei progetti. Altri potrebbero sentirsi pressati a lavorare ancora di più il giorno successivo, annullando i benefici.

La chiave del successo risiede nella chiara comunicazione e nella definizione dei limiti. Le aziende dovrebbero fornire linee guida su come sfruttare al meglio i “giorni senza connessioni” senza compromettere la produttività.

L’approccio radicale di Shopify per recuperare il tempo

Con i “giorni senza connessioni” che guadagnano terreno, esaminiamo un’azienda che sta adottando un approccio correlato alla produttività e all’equilibrio tra lavoro e vita privata: Shopify. Il gigante dell’e-commerce ha recentemente fatto notizia cancellando tutte le riunioni ricorrenti con più di due partecipanti.

Ai dipendenti è stato chiesto di essere molto critici quando aggiungevano riunioni ai loro calendari, sottolineando che le riunioni dovrebbero avvenire solo per discussioni essenziali. L’azienda ha anche reintegrato i mercoledì “senza riunioni” e ha limitato le grandi riunioni a un blocco di sei ore il giovedì. L’obiettivo? Rendere l’azienda più efficiente operativamente, soprattutto in un anno di incertezze economiche.

Shopify sta sfidando l’idea convenzionale che le riunioni siano la spina dorsale della produttività aziendale. Facendo ciò, stanno liberando migliaia di ore, permettendo ai dipendenti di concentrarsi su lavoro di impatto. L’azienda ha anche sviluppato un bot per avvisare chiunque tenti di programmare una riunione il mercoledì, rafforzando la policy e incoraggiando una pianificazione riflessiva.

Shopify sta persino considerando l’implementazione di un “budget” di ore di riunione per i manager e mostra il valore in dollari del tempo dei partecipanti durante le riunioni. Questo non è solo una policy, è una dichiarazione. Shopify sta dicendo che la risorsa più preziosa non è il tempo manageriale, ma il tempo dei singoli contributori: i fautori, i costruttori, gli innovatori.

La rivoluzione della settimana lavorativa di quattro giorni

Un’altra tendenza rivoluzionaria correlata sta facendo notizia nel mondo aziendale: la settimana lavorativa di quattro giorni. Questo concetto non è solo un dibattito teorico; è una realtà per un numero crescente di aziende.

Secondo un rapporto di ResumeBuilder.com, il 20% dei leader aziendali intervistati ha dichiarato che le loro aziende hanno già implementato una settimana lavorativa di quattro giorni. Un altro 41% prevede di farlo, con metà che si aspetta di effettuare il cambio entro la fine del 2023. Tuttavia, l’ammissibilità varia: il 31% dei leader ha detto che tutti i dipendenti potrebbero partecipare, mentre altri lo hanno limitato a un sottoinsieme basato su fattori come il livello di responsabilità, la posizione lavorativa e le prestazioni.

Il principale motore di questo cambiamento è ridurre il turnover dei dipendenti, citato dal 92% dei rispondenti. Ma c’è di più. I datori di lavoro stanno anche esaminando come viene speso il tempo durante la settimana lavorativa. Il principale spreco di tempo? Le riunioni. Ciò si allinea alle nostre precedenti note sui “giorni senza connessioni” e sulle policy delle riunioni, rafforzando la necessità per le aziende di essere più intenzionali su come viene allocato il tempo.

Sebbene le aziende stiano adottando volontariamente settimane lavorative di quattro giorni, il sostegno legislativo sta crescendo. Nonostante l’entusiasmo, la settimana lavorativa di quattro giorni non è universalmente applicabile. Settori come la sanità, che richiedono un personale operativo 24 ore su 24, affrontano sfide nell’implementazione. Inoltre, ci sono preoccupazioni che ridurre le ore potrebbe involontariamente danneggiare i lavoratori riducendo il loro stipendio piuttosto che aumentandolo.

Un modello intrigante combina la flessibilità del lavoro da remoto con una settimana lavorativa di quattro giorni. Immagina lunedì e martedì dedicati al lavoro da remoto, mercoledì e giovedì per la collaborazione in ufficio e il venerdì per il riposo e il relax. Questo approccio ibrido potrebbe offrire il meglio di entrambi i mondi, massimizzando la produttività e migliorando l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

La settimana lavorativa di quattro giorni, come i “giorni senza connessioni” e le policy senza riunioni, offre una promettente via per migliorare l’equilibrio tra lavoro e vita privata e la produttività. Tuttavia, il suo successo dipende da un’attenta implementazione e dalla disponibilità ad adattarsi in base alle esigenze dei dipendenti e ai requisiti del settore.

Questi casi servono come preziosi esperimenti, ognuno contribuendo con spunti unici su come possiamo lavorare in modo più intelligente, non più duro.

Il modello flex-time ibrido

Mentre esploriamo vari approcci all’equilibrio tra lavoro e vita privata e alla produttività, è fondamentale considerare soluzioni su misura adattate alle specifiche esigenze organizzative. 

La pietra angolare di questo modello è la flessibilità. I dipendenti vengono incoraggiati a stabilire i propri orari nei giorni di lavoro da remoto, con una eccezione: un blocco di tempo condiviso, ad esempio dalle 10:00 alle 13:00. Questa finestra è strategicamente progettata, garantendo che tutti siano online e disponibili per una rapida collaborazione.

La bellezza di questo modello risiede nella sua intuizione psicologica. Permettendo ai dipendenti di scegliere le loro ore di lavoro al di fuori del blocco di tempo condiviso, possono allineare il loro lavoro con i loro cicli energetici naturali e le esigenze dello stile di vita. Che tu sia una persona mattutina che prospera all’alba o un nottambulo che trova il suo ritmo la sera, questo modello ti permette di lavorare quando sei al meglio.

I risultati parlano da soli. Le aziende che hanno implementato questo modello segnalano livelli più alti di soddisfazione dei dipendenti, riduzione dell’esaurimento e, cosa più importante, aumento della produttività. Il blocco di tempo condiviso garantisce che i compiti collaborativi non siano compromessi, mentre la flessibilità dà potere ai dipendenti di gestire meglio l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

La personalizzazione è la chiave

Il modello Flex-Time è una testimonianza del potere della personalizzazione. Mentre i “giorni senza connessioni”, le policy senza riunioni e le settimane lavorative di quattro giorni offrono soluzioni ampie, le strategie più efficaci sono spesso quelle su misura per le sfide e le opportunità uniche di ogni organizzazione. Combinando i migliori elementi di flessibilità e struttura, questo modello offre un approccio sfumato che può essere adattato a una vasta gamma di culture aziendali e esigenze dei dipendenti.

Mentre continuiamo a ridefinire il futuro del lavoro, è chiaro che è essenziale un approccio che tenga presente sempre più aspetti. Che si tratti di una policy aziendale come quella di Shopify o di una strategia su misura come il modello Flex-Time, l’obiettivo rimane lo stesso: creare un ambiente di lavoro che favorisca sia la produttività che il benessere.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.