Il guru di Obama in Italia: «Poco spazio ai giovani imprenditori»

4224
alec ross

«La differenza tra Usa e Italia, è che gli americani dicono “wow”, gli italiani dicono “mah”. Sono tre lettere assolutamente diverse. Dobbiamo smettere di pensare che il futuro sia solo una cosa di cui aver paura». Ecco il pensiero di Alec Ross, classe 1971, americano con «anima italiana», esperto di tecnologia e comunicazione digitale.

Negli Usa è considerato il guro hi-tech di Obama e Hillary Clinton. In Italia per presentare il suo ultimo libro, ha evidenziato le principali difficoltà per gli italiani che vogliono fare impresa:

1. Troppa burocrazia

«In Italia è troppo difficile diventare un imprenditore, tra avvocati, ragionieri, timbri», ha dichiarato Ross (foto da Facebook) nel corso di un’intervista a Ballarò. «Ci sono troppe normative, troppe regole. Negli Stati Uniti ogni persona di 22 anni può avviare un’azienda senza nessun problema. Qui è molto difficile far partire un’impresa economica».

2. Poco spazio ai giovani

«Quando mi trovo in Italia in genere sono la persona più giovane in assoluto che partecipa a un incontro tra grandi leader. Invece in America, nella Silicon Valley, sono uno dei più vecchi. C’è un problemma con l’età in Italia. La maggior parte delle imprese negli Stati Uniti sono state avviate da persone sui 20 anni, come Bill Gates o Marck Zuckerberg, a cui sono stati dati milioni di dollari per avviare l’azienda. Questo non succederebbe mai in Italia».

3. Poche donne al potere

«Bisogna fare molto di più per responsabilizzare le donne e dare loro posizioni di potere. Quando sono con le “élite” in Italia, di solito sono tutti uomini».

 

L’incontro con Renzi

Oggi Ross ha incontrato il presidente del Consiglio Matteo Renzi al Teatro Piccolo Eliseo di Roma per una riflessione comune sul futuro di Italia e Usa, in occasione della presentazione del suo ultimo libro Il nostro futuro. Come affrontare il mondo dei prossimi venti anni (Feltrinelli). Il suo consiglio per il premier: «Pensare meno a Matteo e più a tutti noi e al suo programma».

Il guro della tecnologia

Alec Ross, 44 anni, è cresciuto a Charleston, in West Virginia, da genitori di origini italiane. Nel suo libro racconta che il periodo trascorso in Italia, come studente all’Università di Bologna, è stato una fonte di ispirazione per il suo futuro. È in quel periodo che ha capito quali erano le sue passioni e le sue inclinazioni. Nel 2008 ha partecipato alla campagna presidenziale di Barack Obama, come esperto di social e comunicazione digitale, e nel 2009 è stato nominato consigliere per l’Innovazione del Segretario di stato Hillary Clinton.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.