fbpx
jack dorsey tweet

Il primo tweet di Jack Dorsey venduto all’asta per 2,9 milioni di dollari

Oltre 2,91 milioni di dollari, una cifra record spesa per un tweet. Ad aggiudicarsi il primo cinguettio pubblicato dal fondatore di Twitter il 21 marzo 2006 è stato Hakan Estavi, Ceo di una società di sistemi blockchain in Malesia. “Questo non è solo un tweet! Tra qualche anno la gente capirà il suo vero valore, come il dipinto della Gioconda” ha commentato l’acquirente (su Twitter, ovviamente). Jack Dorsey convertirà l’intero ricavato in bitcoin e donerà tutto all’organizzazione GiveDirectly, per aiutare le famiglie indigenti in Africa.

L’asta si è svolta online sulla piattaforma Valuables by Cent, dove i tweet sono venduti come firme digitali chiamate “non-fungible token” (NFT). Token unici, basati su blockchain, che non possono essere scambiati o divisi. Un tweet firmato è come se fosse “un autografo su una figurina di baseball”, spiegano gli ideatori. La differenza è che non rimane nulla da stringere tra le mani. L’acquirente riceve invece un certificato digitale, firmato con la crittografia, che include i metadati del tweet originale. Il sito d’aste trattiene il 5% della somma offerta, il resto va al venditore. Il cinguettio, pur avendo un nuovo proprietario, continuerà a essere visibile a tutti su Twitter.

Gli NFT esistono da anni, ma adesso aumenta il numero di collezionisti digitali. A inizio marzo, la famosa casa d’aste britannica Christie’s ha battuto un’opera d’arte digitale dell’americano Beeple per 69 milioni di dollari.

Re Carlo III fa causa a Elon Musk

Il proprietario di Twitter non paga l’affitto degli uffici di Londra da ottobre.   Quanto volte i proprietari di casa che affittano il proprio appartamento

ThinkingHat: AI al servizio della creatività

Intervista a Giuliano Ambrosio, alla scoperta dei tools più interessanti dell’Intelligenza Artificiale   “L’Intelligenza Artificiale, se compresa e usata con etica, aiuterà l’umanità a fare

Fakémon: non cliccare sul link!

Il finto gioco Pokémon che ti installa un virus   Attenzione! Il gioco di carte Pokémon non è un vero gioco, ma un malware camuffato

Greta Thunberg: LOL

La risposta che tutti avremmo voluto dare al tweet di Andrew Tate   Greta Thunberg fa parlare ancora. Tutto ha inizio con un tweet di

Juve e gli NFT falsi

La Juventus ha fatto causa a Blockeras accusandola di aver violato i marchi registrati del club in relazione ai NFT Blockeras.   La Juventus FC

La maxitruffa degli influencer finanziari

Derubati circa 1 milione e mezzo di follower per una somma totale di cento milioni di dollari.   Dopo l’era delle pubblicità ingannevoli è arrivato

Crypto: la Contrarian theory

Nei momenti di panico bisogna investire oppure vendere? Chi va controcorrente guadagna. Ma non tutti.   Il grande tormento dei mercati di questo periodo ci

Randstad Italia lancia il suo primo hub virtuale

Un luogo per incontrarsi e organizzare meeting per esperienze immersive e coinvolgenti.   Nonostante la repentina discesa di Meta, nuovi metaversi continuano a nascere di

Crolla il mercato degli NFT

Con continui crolli e ripide discese, la fine degli NFT sembra ormai inevitabile. Da inizio anno infatti, secondo quanto riporta CryptoSlam, portale specializzato in crypto

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.