Il primo tweet di Jack Dorsey venduto all’asta per 2,9 milioni di dollari

5452
jack dorsey tweet
Foto di Ryan Lash - TED Conference da Flickr

Oltre 2,91 milioni di dollari, una cifra record spesa per un tweet. Ad aggiudicarsi il primo cinguettio pubblicato dal fondatore di Twitter il 21 marzo 2006 è stato Hakan Estavi, Ceo di una società di sistemi blockchain in Malesia. “Questo non è solo un tweet! Tra qualche anno la gente capirà il suo vero valore, come il dipinto della Gioconda” ha commentato l’acquirente (su Twitter, ovviamente). Jack Dorsey convertirà l’intero ricavato in bitcoin e donerà tutto all’organizzazione GiveDirectly, per aiutare le famiglie indigenti in Africa.

L’asta si è svolta online sulla piattaforma Valuables by Cent, dove i tweet sono venduti come firme digitali chiamate “non-fungible token” (NFT). Token unici, basati su blockchain, che non possono essere scambiati o divisi. Un tweet firmato è come se fosse “un autografo su una figurina di baseball”, spiegano gli ideatori. La differenza è che non rimane nulla da stringere tra le mani. L’acquirente riceve invece un certificato digitale, firmato con la crittografia, che include i metadati del tweet originale. Il sito d’aste trattiene il 5% della somma offerta, il resto va al venditore. Il cinguettio, pur avendo un nuovo proprietario, continuerà a essere visibile a tutti su Twitter.

Gli NFT esistono da anni, ma adesso aumenta il numero di collezionisti digitali. A inizio marzo, la famosa casa d’aste britannica Christie’s ha battuto un’opera d’arte digitale dell’americano Beeple per 69 milioni di dollari.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.