Il signor Zara divide i guadagni con i suoi 78mila dipendenti

7
34140

Zara: 37 milioni di euro saranno divisi nella busta paga agli impiegati con due anni di anzianità. La decisione è stata presa dal presidente, Pablo Isla e dal fondatore e azionista di maggioranza, Amancio Ortega di Inditex, società spagnola che ha tra i suoi marchi Zara, Massimo Dutti, Berska, Pull and Bear.

I 37,5 milioni da suddividere tra i circa 78mila dipendenti e non si sa la cifra esatta che sarà comunicata in busta paga. Il bonus premia i grandi risultati della multinazionale, cresciuta del + 15% rispetto al 2015.

Un risultato che assume ancora più valore se si pensa che la storia del gruppo è iniziata da un piccolo negozio. Quello nel quale lavorava Ortega all’inizio della sua carriera quando a 14 anni lascia la scuola per fare il fattorino in bicicletta. Abbiamo raccontato la sua storia su Millionaire. Qui alcuni dei passi più belli.

Commesso in un negozio impara l’arte

In negozio Ortega impara a capire i gusti dei consumatori e constatare che alla gente piace cambiare spesso vestito e per questo vuole spendere meno. Ma per comprimere i costi capisce che era necessario razionalizzare l’intero sistema, eliminando intermediari quanto più possibile.

Con i fratelli inizia a fare vestaglie

Inizia a coinvolgere i suoi tre fratelli nella produzione casalinga di vestaglie dalla qualità simile a quella di aziende poco note, ma dal prezzo inferiore. Una proposta commerciale che convince il titolare del negozio per cui i fratelli lavorano a proporle in vendita.

Si mette in proprio

Il successo delle vestaglie porta all’allargamento del catalogo prodotti, passando dalle camicie da uomo, fino ai pigiami e all’abbigliamento sportivo: un giro di affari che dopo tre anni rende necessario l’affitto di un ufficio vero e proprio e il coinvolgimento di tante casalinghe. L’apertura del primo punto vendita, nel 1972, è preceduta dall’avvio di fabbriche di produzione. Il primo negozio si chiama Sprint, una proposta di abbigliamento con dischi e articoli da regalo che naufraga nel 1979.

Nel 1975 il primo negozio a marchio Zara

Vincente il modello di business che ha rivoluzionato il settore: circa 15 giorni il tempo necessario dalla progettazione all’arrivo in negozio della merce e una ferrea organizzazione logistica, che consente consegne di merce due volte la settimana.

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

  1. Però come mai chi ha superato il 30esimo anno di età non viene preso in considerazione? E come mai chi non ha esperienza ma tanta voglia di imparare non viene preso in considerazione ? Se vogliono aiutare iniziassero a controllare chi fa i colloqui e chi valuta il personale da assumere senza prendere amici o gli amici degli amici

  2. La burocrazia iniziale, i costi della manodopera indiana, non sono di poco conto in questa storia… poco paragonabile ad una qualsiasi altra storia europea, in senso strictu, in assenza di ingenti capitali da investire.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.