fbpx

Inflazione alle stelle

In media nel 2022 i prezzi al consumo registrano una crescita pari a +8,1%

 

Se quindi da una parte sembra essere iniziata la curva discendente, pane e pasta, insieme ai cereali, si sono collocati al primo posto nella classifica dei rincari, portando ogni famiglia italiana nel 2022 a spendere in media 513 euro in più rispetto all’anno precedente.

 

L’aumento dei prezzi

Ma l’aumento dei prezzi lo si vede in quasi tutti gli alimenti, con al secondo posto l’aumento dell’11% delle verdure e +7,2% del prezzo delle carni, soprattutto del pollame, che costa circa 30 euro in più. Latte, formaggi e uova (+9,5%, pari a 69 euro), poi pesci e prodotti ittici (+7,7%, 40 euro), al sesto posto la frutta (+7,1%, 36 euro). Per quanto riguarda invece i prodotti non alimentari, al primo posto troviamo l’energia elettrica, con un astronomico +110,4%”, afferma l’Unc che indica al secondo posto i voli internazionali (+85,9%) e al terzo il gas naturale e di città (+73,7%)

Al netto degli energetici e degli alimentari freschi, i prezzi al consumo crescono del 3,8% (+0,8% nell’anno precedente) e al netto dei soli energetici del 4,1% (+0,8% nel 2021).

Il rallentamento su base tendenziale dell’inflazione è dovuto prevalentemente ai prezzi dei Beni energetici, (che, pur mantenendo una crescita molto sostenuta, passano da +67,6% di novembre a +64,7%), in particolare della componente non regolamentata e ai prezzi dei Beni alimentari non lavorati e dei Servizi relativi ai trasporti;

In riferimento al dato annuale l’Istat precisa che si tratta «dell’aumento più ampio dal 1985 (quando fu pari a +9,2%), principalmente a causa dall’andamento dei prezzi dei beni energetici (+50,9% in media d’anno nel 2022, a fronte del +14,1% del 2021)».

Guardando agli altri Paesi dell’Unione Europea, la risalita dei prezzi resta alta a dicembre ma rallenta nei confronti del mese precedente, con l’Italia che si mantiene al di sopra delle altre maggiori economie continentali. Basti pensare alla Germania (9,6), Francia (6,7) e Spagna (5,6). Il motivo principale? Il costo dell’energia e il nostro dipendere dall’estero.

Anche i Paesi dell’est Europa hanno registrato tassi molto alti: oltre il 20% in Lettonia e Lituania, 17,5% in Estonia, 15% in Slovacchia.

 

E il 2023?

Gli economisti parlano di un calo graduale a livello mondiale, ma sempre relativamente alle diverse aree.

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.