La stampa è viva (e lotta insieme alla Silicon Valley)

0
1821

Lauren Powell, vedova di Steve Jobs, ha investito in un sito di informazione. Jeff Bezos, fondatore di Amazon, ha acquistato il quotidiano Washington Post per 250 milioni di dollari.

Stessa cifra Pierre Omidyar, fondatore di e-Bay, l’ha messa sul piatto per rilevare un sito di inchieste. E questi sono solo i nomi più clamorosi.

La tendenza è chiara: la Silicon Valley scommette sulla forza delle notizie di qualità, che siano sul Web o su carta.

«Noi tecnologi abbiamo la convinzione, forse esagerata, di poter migliorare il mondo. Tentare di riuscirci solo con la tecnologia può essere limitante e stancante. Perciò l’idea di dedicarsi alla diffusione di contenuti su ampia scala appare un’opportunità allettante» ha affermato Omidyar.

E così il Web diventa il posto ideale per cronache e aggiornamenti, notizie rapide e veloci. La carta, invece, resta fondamentale per un’editoria di qualità, che punta sull’approfondimento, un’informazione pratica, un target di nicchia.

E il matrimonio fra notizie e innovazione appare promettente. Continua Omidyar: «Credo che la tecnologia sia in grado di diffondere questo nuovo giornalismo tra un pubblico generalista in modo commerciale sostenibile».

Salta agli occhi che notizie e articoli di qualità, sul Web e su carta, possono catturare l’attenzione dei consumatori e spostarla altrove.Una delle ragioni del successo di Amazon è quella di non essere un solo sito, ma milioni di siti personalizzati che suggeriscono acquisti ad hoc. Perché non pensare a inviti calibrati del genere “coloro che hanno letto questo articolo hanno letto anche…”.

E se l’America è sempre avanti un passo rispetto a noi, c’è da aspettarsi anche in Italia una rivalutazione e una rinascita del giornalismo?

Lucia Ingrosso

(Fonte foto utente flickr  Mike Bailey-Gates)

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.