L’evento per chi ha voglia di spaccare il mondo

0
3133
Eleonora Rocca digital innovation days
Eleonora Rocca

Innovazione a 360 gradi, a Milano, dal 17 al 19 ottobre. Tornano i Digital Innovation Days, nel Talent Garden di Milano, uno dei campus più grandi d’Europa. Attese più di 1.500 persone. Dietro tutto questo c’è l’idea di un’imprenditrice piena di energia: Eleonora Rocca

Volete sapere tutto su innovazione, digital marketing e digital transformation? Non perdetevi questo evento. Nei #DIDAYS, speech con ospiti italiani e internazionali, su temi freschi e contemporanei: influencer marketing, intelligenza artificiale, cybersecurity, UX design, e-commerce, content strategy, fintech, sharing economy, realtà virtuale e molto altro. Le strategie di social media marketing emergeranno da case-study di aziende nel turismo, fashion, food, tecnologia, beauty, lifestyle e in workshop di approfondimento.

C’è una donna, un’imprenditrice piena di energia, dietro questa tre giorni che si affaccia direttamente sul futuro: Eleonora Rocca, 39 anni, romana d’origine, milanese d’adozione, founder & Cmo di Digital Innovation Days Italy. «Dal 2008 al 2013 ho vissuto a Milano, ora risiedo a Londra, dove lavoro come international marketing manager per My Market Insight, nel data intelligence per il settore beauty. Ho cambiato 5 aziende da quando sono arrivata, crescendo e sviluppando contemporaneamente i miei progetti imprenditoriali. Londra è proprio opportunità».

Perché hai fondato i Digital Innovation Days In Italia?

«Nel 2014, dopo anni di carriera in corporation come HewlettPackard, Microsoft, Roberto Cavalli e Kingston Technology, avevo voglia di creare qualcosa di mio, di dare spazio alla mia creatività e passione. Così è nato #DIDAYSIT, un evento con la voglia di portare internazionalità e contenuti a direttori marketing, aziende, agenzie e liberi professionisti. Un evento con un occhio verso il futuro, che vuole far vivere un’esperienza memorabile ai partecipanti. In soli tre anni è passato da un evento gratuito di una sola giornata a una tre giorni tra le più importanti d’Italia nel settore digital. E si è creata una community di oltre 30mila persone che ruota intorno all’evento, con oltre 100 Ambassador sul territorio nazionale».

digital innovation daysCome scegli i temi?

«Studio, ricerca e preparazione. Lavoro per 12 mesi, leggo tantissimo e soprattutto vado negli Stati Uniti, in Silicon Valley, due volte l’anno per prendere ispirazione dove si intercettano i trend che cambieranno il mercato. Quest’anno ho frequentato l’Executive Programme di Singularity University, una full immersion di 6 giorni in cui 90 leader entrano a contatto con le tecnologie esponenziali che cambieranno il mondo nei prossimi 20 anni. Contenuti che porterò in #DIDAYSIT 2019. I tre temi verticali principali saranno digital marketing e digital transformation, social media marketing e innovazione a 360 gradi. Si parlerà di influencer marketing, growth hacking, nuovi trend dal mondo advertising, video content strategy…».

Qualche ospite?

«Max Rivera, commercial strategy Italy lead di Snapchat giungerà da New York per parlare di come la tecnologia, in particolar modo la macchina fotografica nei nostri cellulari, sta veicolando le nostre emozioni. Marco Grossi, global head of sales di Facebook, da Londra, ci spiegherà come massimizzare il potenziale umano, mettendo i bisogni e le aspettative delle persone al centro. Da San Francisco atterrerà Greer Gonerka, group account director di Cutwater Agency, punterà l’attenzione sulla creatività. Daniel Vanegas, da Singapore, dove riveste il ruolo di social and interaction product operation di Lazada (Alibaba Group), parlerà dei Millennials, driver di un nuovo ecosistema. Alberto Macciani, global vice president marketing di Unilever, racconterà di come il digital aiuta a reinventare i brand. Intervisterò personalmente Riccardo Pozzoli, creative director di Condé Nast e co-fondatore del blog di Chiara Ferragni, The Blonde Salad».

Come scegli i relatori?

«Arrivano moltissime candidature. Organizzo call per capire nel dettaglio di cosa parleranno. È importante per me garantire contenuti di valore. Faccio molta attenzione ai curriculum, background e all’originalità dei contenuti. Quest’anno, tra i tanti italiani, avremo Francesco Gabrielli, digital marketing & e-commerce manager di Barilla, e Fabio Moioli, Country Manager di Microsoft Italia».

3 buoni motivi per venire ai Digital Innovation Days?

«1. Per ascoltare case study di successo raccontate dai migliori professionisti e influencer del settore digital. 2. Per fare networking con persone con le quali sviluppare progetti e accrescere le proprie opportunità di crescita dal punto di vista lavorativo. 3. Per entrare in una community di appassionati, che per tutto l’anno restano in contatto e insieme costruiscono l’evento dell’anno. Digital Innovation Days Italy è una ventata di energia».

Consigli ai giovani in cerca di mentori e di esperienza?

«Osare e rischiare sempre, non aver paura del cambiamento, perché rappresenta sempre un’opportunità. Credere nei propri sogni è il primo step per fare qualunque cosa, poi avere le idee chiare e andare dritti come un treno senza paura di fallire. Dare spazio a quello che si è bravi a fare. Io sono laureata in Giurisprudenza, ma ho puntato su quello che mi permette di esprimermi al meglio. Posso dire con orgoglio, che non farei nulla di diverso dal lavoro che ho scelto».

Una definizione del tuo evento?

«Un’esperienza diversa, unica, che cambia, si rinnova e ha sempre pronte sorprese, creando un mix di divertimento e formazione senza eguali. L’obiettivo è raggiungere ancora una partecipazione record, l’anno scorso eravamo in 1.490. In #DIDAYSIT sono entrati tre nuovi soci, svilupperemo dei #DIDAYSIT Local, eventi più in piccolo organizzati in altre città d’Italia. Per chi volesse candidarsi o saperne di più: eleonora.rocca@digitalinnovationdays.com».

Organizzare eventi è un business?

«Sì. Tuttavia, come qualunque altro business, per avere successo è fondamentale investire tempo e risorse finanziarie, lavorare molto ed essere sempre pronti a migliorarsi e imparare dagli errori».

Consigli per organizzarne uno che fa il botto?

«1. Costruire un programma valido. I relatori si devono preparare per stimolare chi ascolta. I partecipanti devono uscire con la voglia di spaccare il mondo. Le storie devono accendere in loro una lampadina, che li aiuti a fare la differenza come manager, direttore marketing, Ceo o freelance. 2. Scegliere la location. Il luogo dell’evento deve favorire il networking. Deve permettere a chi partecipa di contaminarsi positivamente con idee, progetti, scambiarsi feedback su esperienze lavorative e godersi un po’ di sano divertimento. 3. Collaborare con la community. Il backstage dell’evento infatti non si costituisce solo del team organizzativo, ma anche di oltre 100 brand ambassador che per tutto l’anno si fanno portavoce dei valori che l’azienda vuole diffondere».

Opportunità per i lettori di Millionaire

Tutti i lettori di Millionaire avranno uno sconto del 50% sulla quota di iscrizione, cioè 84,50 euro al posto di 169, valido fino a ottobre. Per iscriversi con questa agevolazione, cliccare su https://didays2019.eventbrite.it?discount=MILLIONAIRE Il codice sconto da inserire è MILLIONAIRE

 

Tratto da Millionaire di maggio 2019. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.