fbpx
federica marchionni manager

Da shampoo girl a top manager: «Fin da piccola sapevo che volevo fare la Ceo»

Federica Marchionni, 49 anni, manager ad altissimo livello, finché non la incontri pensi che sia solo un’invenzione. Originaria di un paesino del Lazio, Santa Severa, e di famiglia modesta (la madre faceva la domestica), ha sempre avuto le idee chiare. E grandi ambizioni. Per emergere ha sempre puntato su se stessa («Studiare è stato fondamentale»). E non si è mai tirata indietro.

Da ragazza ha lavorato come sciampista e barista, ha dato ripetizioni e insegnato nella palestra in cui, altrimenti, non si sarebbe potuta permettere di andare.

«Ho sempre cercato di intercettare e anticipare i trend. Così ho fatto una tesi sulla telefonia, ho puntato sull’e-commerce e ora sono a capo di Global fashion agenda, che opera nel campo della moda sostenibile».

Pratica il sogno come forma di pianificazione, anche se dice che «i sogni vanno adeguati in base al momento che si sta vivendo, ma io conto di sognare almeno fino a 85 anni».

Inizia in Ericsson, finché non incontra per caso in aereo gli stilisti Dolce e Gabbana. «Non bisogna mai farsi sfuggire le opportunità che ci capitano». Così Federica si affretta a presentare i prodotti della sua azienda. Lo fa con un tale mix di entusiasmo, passione e professionalità, che qualche giorno dopo i due la richiamano. Ma non vogliono i suoi prodotti, bensì lei. E le fanno una proposta di lavoro.

«La sfida era entusiasmante, ma si trattava di lasciare il certo per l’incerto e prendersi un grosso rischio».

Federica accetta e questo è solo l’inizio di una cavalcata trionfale che la porta a livelli altissimi. In seguito, entrerà alla Ferrari, con un ruolo dirigenziale (anche se ci sarà qualcuno che, non ben informato, vedendola dirà: «Ma chi è questa donna?»).

«Ora per le ragazze è più facile, ma le donne della mia generazione hanno dovuto mostrare di essere 10 volte più brave degli uomini. In più, io ero giovane e carina in mondi maschili. Non ho usato il mio aspetto in modo improprio, ma neanche ho voluto rinunciarci».

Nel frattempo, Federica si sposa e diventa mamma. «Conciliare i due mondi? Se pensiamo alla vita come è raccontata nei libri di favole, non è possibile. Ma a essere più pragmatici, si crea un team di supporto basato sulle esigenze dei bambini. Per me, è stato fondamentale l’aiuto del mio partner. Certo, in famiglia sono io quella che ha più responsabilità e in certi momenti questo mi pesa».

Arrivata al top, ogni volta Federica cerca nuovi stimoli e non ha paura di cambiare. «Sono sempre mossa dalla voglia di imparare. È la benzina del mio motore». Federica cambia aziende e Paesi (Italia, Cina, Usa, ora è in Danimarca).

Ma esiste una leadership al femminile? «Più che altro, esiste una leadership moderna, più aperta e capace di comprendere il contesto. Meno attenta al profitto e più attenta alla sostenibilità, alle esigenze del Pianeta e delle persone».

A un certo punto, Federica si butta in una nuova avventura, ma stavolta le cose vanno male. È la persona sbagliata al posto sbagliato. «C’è per tutti un ground zero da cui ripartire» dice. E lei, capito il perché, si rialza e si rimette in pista.

I suoi consigli alle ragazze di oggi?

  • Impegno. «Senza, non si va da nessuna parte. Nulla è facile, ma è frutto di duro lavoro».
  • Serietà. «Bisogna prendere a cuore un progetto, metterci passione».
  • Pazienza e costanza. «I grandi traguardi non si tagliano in poco tempo. Dopo 25 anni di carriera solo ora inizio a raccoglierne i frutti».
  • Consapevolezza. «In Italia abbiamo formazione e professionalità top. Possiamo andare all’estero, ma senza mai dimenticare il nostro valore».

Federica racconta il suo percorso professionale e umano nel libro Una testa piena di sogni. Immaginare il non ovvio per costruire il futuro (Roi Edizioni).

Tratto dall’articolo “Leadership gentile. Storie di intraprendenza al femminile” pubblicato su Millionaire di novembre 2021. 

donne imprenditrici
L’apertura dell’articolo pubblicato su Millionaire di novembre 2021

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

sneakers

Sneakers: il nuovo oro delle calzature

Un fenomeno cresciuto negli anni che ha dato vita a speculazioni con margini e prezzi alle stelle   Quelle che fino a un paio di

Greta Thunberg: LOL

La risposta che tutti avremmo voluto dare al tweet di Andrew Tate   Greta Thunberg fa parlare ancora. Tutto ha inizio con un tweet di

UniCredit investe 10 milioni di euro in Casavo

L’obiettivo: semplificare e velocizzare! Una partnership strategica di lungo termine, volta a migliorare l’esperienza del cliente. Unico fattore determinate per UniCredit. Il gruppo bancario internazionale,

Dio il creatore (di contenuti)

Dio è online. Chi è, chi non è, che lavoro fa il Creatore (di contenuti, oltre 1 milione di followers sui social) da 11 anni

Ivana Jelinic: nuovo Ceo di Enit

La donna più giovane che occupa un posto importante ai vertici di Enit.   Ivana Jelinic sarà la nuova Ad di Enit – Agenzia Nazionale

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.