Martin Varsavsky, tra i più grandi venture capitalist del mondo: «Investo più facilmente in chi ha provato e ha fallito. Startup italiane scrivetemi»

5605
martin Varsavsky
Martin Varsavsky - Foto da Wikipedia

«Investo con più probabilità in chi ha provato e non è riuscito, piuttosto che in uno che non ha mai provato. E quando lo faccio, mi dico sempre: ho due possibilità. O guadagno o imparo. E imparo di più quando le cose non vanno bene. E se avete una bella idea, mandatemela». Lui si chiama Martin Varsavsky, è una star del venture capitalist, tra i più importanti del mondo. Imprenditore seriale, perché dice di se stesso, “sono spinto dall’impazienza”.

Argentino, vive in Spagna, parla sei lingue, tra cui bene l’italiano, ha 7 figli. Nel 2015 ha creato quella che oggi è la più grande catena di cliniche per la fertilità negli Stati Uniti: Prelude Fertility. CEO of Overture Fertility and Goggo Network, Ceo di Vas Ventures. Professore e investitore, ha fondato 8 società negli Stati Uniti e in Europa. Ha fatto numerose exit. Soprattutto negli ultimi 5 anni.

Ieri abbiamo seguito il webinar in cui Enrico Resmini, direttore generale del Fondo Nazionale Innovazione, lo ha intervistato sul ruolo dell’imprenditoria innovativa e siamo rimasti incantati.

«Per tre volte nella mia vita ho lasciato il lavoro per un anno. Sono diventato professore universitario, pilota di aereo, mi sono dedicato al ciclismo.  Ma poi sono sempre tornato a fare impresa. Perché è quello che so fare e chi mi piace fare. Come ci riesco? Lavoro sui campi più interessanti, leggo, studio, trasformo i problemi in opportunità».

Così è nato Prelude Fertility

«Mi trovavo in una clinica per l’infertilità e seduto in sala d’aspetto mi accorgevo dei problemi (mi dicevo: laboratorio gestito male, qui non si lavora bene, la scienza non è chiara). Ma anziché lamentarmi, mi chiedevo cosa si potrebbe fare? Ecco quando mi trovo in una situazione difficile come quella di avere bambini, penso a come le cose potrebbero essere migliori per tutti.

Dalla salute all’energia solare (altro campo in cui Martin ha creato imprese). Il processo è uguale. Studio molto, chiamo i professori e quelli che veramente sanno quello che voglio imparare, e mi faccio una mini laurea sul nuovo campo e solo dopo faccio una società. Prelude ha ricevuto 100 milioni di dollari per iniziare».

Studioso, figlio di un professore di Harvard, Martin è cresciuto in una famiglia in cui l’educazione culturale era più importante di fare soldi.

E in Italia. «Bisogna cambiare le regole italiane che sono fatte per le grandi aziende. Mancano i capitali, ma ora con il Fondo Nazionale per l’Innovazione qualcosa si sta facendo. E deve cambiare la mentalità.  C’è ancora poca gente capace di rischiare e di lasciare tutto per fare la propria impresa. Manca la cultura del rischio. E quella positiva del fallimento, che è normale nel mondo delle startup.

Io investo con più probabilità in chi ha provato e non è riuscito, piuttosto che in uno che non ha mai provato. E quando investo dico sempre: o guadagno o imparo. E imparo di più quando le cose non vanno bene. Se avete una bella idea, mandatemela. La studio. Nel mondo dell’imprenditoria dovrebbe essere come nel mondo della scienza. Dovremmo fare impresa così come si fa la scienza. Nella scienza provi e se non funziona riprovi, fai altro. Impari e ricominci».

E gli investitori?

«In America c’è un tipo di investitore che manca in Europa (che rischia di diventare un museo). Hanno immaginazione e investono su come sarà il futuro. Investono in Tesla perché sanno che non si può continuare a bruciare il Pianeta e vedono il futuro. Tesla ti dice: il trasporto sarà un servizio, con macchine elettriche e che si guidano da sole. Gli investitori la scelgono, perché possono aspettare il futuro fra 10 anni».

Investitore, professore, imprenditore, in un Ted Talk Martin ha raccontato come fa a fare tutto. E qui ha ribadito. «Non guardo mai la tv (ma ho appena saputo che è morto Maradona e mi spiace) non faccio le cose che fanno gli altri. Non perdo tempo nei business lunch, i miei meeting sono molto corti, passo molte ora a leggere e non lavoro sempre. Stamattina per esempio sono andato a cavallo con mia moglie».

Per rivedere il video: www.youtube.com/watch?v=uf3GJsg5bOE

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.