“Mr Corona lascia tutto agli abitanti del suo paese”. Ma la notizia è falsa

0
3047
corona

La smentita arriva dagli abitanti di Cerezales del Condado, in Spagna. Antonio Fernández non ha lasciato loro 200 milioni di euro.

Negli ultimi giorni una storia sensazionale ha fatto il giro del mondo: Antonino Fernández, imprenditore della birra Corona, avrebbe lasciato 200 milioni di euro in eredità agli abitanti del suo paese di origine. Circa 2 milioni di euro a testa per gli 80 residenti di Cerezales del Condado, in Spagna. In poche ore la storia è rimbalzata online, sui principali media internazionali e italiani. Peccato che non sia vera.

La smentita arriva dagli stessi abitanti del villaggio. Alla stampa locale, Lucia Alaejos della Fundación Cerezales Antonino y Cinia, il centro culturale creato dai coniugi Fernández, ha chiarito di non aver ricevuto denaro da Mr Corona. «Semplicemente non è vero, purtroppo. La storia è completamente sfuggita di mano».

L’imprenditore filantropo

Questo non significa che l’imprenditore non abbia fatto nulla per la città. Gli abitanti sono grati per le sue numerose donazioni. In vita, Fernández ha investito milioni di euro per rifare le strade, ristrutturare la chiesa e la piazza del paese e finanziare istituzioni culturali. Ma la sua fortuna adesso passa ai nipoti, figli dei fratelli.

Anche Maximino Sánchez, proprietario dell’unico bar del villaggio, ha smentito il lascito milionairo, ma ha confermato di quanto tutti siano grati per l’impegno di Fernández. «Don Antonino è sempre stato guardato con rispetto e affetto». Era un uomo umile e di grande generosità. «Un potente uomo d’affari che quando veniva qui voleva abbracciare tutti i bambini e parlare con tutti nel villaggio su come anvano le cose una volta. Non ci sono molte persone come lui».

La storia di Don Antonino

Nato nel 1917, Fernández è l’11esimo di 13 figli. Lascia la scuola a 14 anni. Nel 1949 si trasferisce in Messico con la moglie e inizia a lavorare nel magazzino del Grupo Modelo, il birrificio fondato dallo zio della moglie. Lì svolge diverse mansioni, iniziando una scalata che lo porta ad essere il Ceo del Grupo Modelo nel 1971. Grazie a lui, Corona è diventata la birra più popolare del Messico e una delle più esportate nel mondo.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.