fbpx

Neuralink: si prepara per la sperimentazione sull’uomo

Entro sei mesi verranno installati i primi impianti per verificare le possibilità di creare un’interfaccia cervello-macchina

 

Alcuni giorni fa, Neuralink, la società di neurotecnologie fondata dal patron di Tesla, ha annunciato di essere ufficialmente pronta per installare il suo primo impianto celebrale informatico all’interno di un cervello umano. L’annuncio è stato fatto dallo stesso Elon Musk durante un evento alla sede di Fremont, in California. Secondo quanto affermato durante l’annuncio, le discussioni in corso tra Neuralink e la Food & Drug Administration sarebbero andate abbastanza bene, consentendo alla società di effettuare i suoi primi test sull’uomo entro sei mesi.

Qualcosa però non torna. Pochi giorni fa è emerso che la stessa società sarebbe sotto indagine federale per la morte di 1.500 animali per via dei test condotti nel 2018. Lo riporta il Guardian, sottolineando che lo staff della società ha lamentato test condotti in fretta causando sofferenza e morte degli animali.

 

Neuralink e l’interfaccia neurale

Ma di cosa si tratta? L’impianto celebrale targato Neuralink, sarebbe composto da fili ed elettrodi della dimensione di una moneta, che una volta inserita nel cervello sarebbe in grado di leggere e trasmettere le onde celebrali su un dispositivo esterno. Secondo gli ingegneri della società e lo stesso Musk, questo processo permetterebbe di curare alcune patologie umane, permettendo a medici e professionisti di individuare anticipatamente la fonte del problema.

L’obiettivo dell’interfaccia cervello-computer è quello di consentire a una persona in condizioni debilitanti, come la sclerosi laterale amiotrofica, di comunicare con l’esterno attraverso i propri pensieri. Il dispositivo di Neuralink permetterebbe, infatti, di tradurre i picchi neuronali e le onde celebrali, in dati che possono essere interpretati e tradotti da una macchina.

Neuralink non è certo l’unica a studiare questo tipo di tecnologie, per tanto sulla piazza abbiamo anche altre società concorrenti, che si troverebbero addirittura ad uno stadio avanzato rispetto alla società di Musk. Una di queste è Synchron, la quale è già riuscita a fare questo tipo di sperimentazioni, impiantando sia in Australia che negli Stati Uniti un piccolo dispositivo simile a uno stent nel cervello di alcuni pazienti che non erano in grado di parlare, permettendo loro di comunicare in modalità wireless tramite computer.

 

Oltre l’interfaccia cervello-computer

Oltre a tutto questo però, Musk, durante l’evento a Fremont ha annunciato di stare lavorando anche su altri due prodotti. In particolare, un impianto all’altezza del midollo spinale in grado di ripristinare il movimento in chi soffre di paralisi e un impianto oculare destinato a migliorare o ripristinare la vista umana.

Il primo impianto, ancora in fase di studio, potrebbe aiutare chi si trova in condizioni paralitiche a sbloccare ed effettuare piccoli movimenti, permettendo l’avviamento di un piano fisioterapico di recupero. «Per quanto possa sembrare miracoloso, siamo fiduciosi che sia possibile ripristinare la funzionalità di tutto il corpo a qualcuno che ha un midollo spinale reciso», ha detto Musk durante l’evento. Il secondo prodotto, che invece si occupa della vista, ha aggiunto lo stesso Musk, potrebbe aiutare chi ha difficoltà visive o addirittura ciechi dalla nascita a tornare a vedere. «Anche se non hanno mai visto prima, siamo fiduciosi che possano vedere».

L’uomo dalle mille sorprese, torna quindi a sorprenderci con le sue nuove scoperte tecnologiche, ma il mondo accademico non sembra essere positivo allo stesso modo. Secondo molti accademici la prospettiva che propone Neuralink non sarebbe realizzabile nel breve termine, ma richiederebbe sviluppi tecnologici di anni.

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.