Pact4Future: il futuro prende forma a Milano

Di
Luca Pescarolo
23 Aprile 2024

Nel cuore pulsante di Milano, a fine marzo, si è svolto l’evento che molti nel mondo dell’Innovazione italiana attendevano. Noi di Millionaire c’eravamo e abbiamo raccolto alcuni messaggi importanti per il nostro futuro.

Pact 4 Future, organizzato dal Corriere della Sera in collaborazione con l’Università Bocconi di Milano, ha offerto una piattaforma per ospiti e testimonianze da tutto il mondo, trasformandosi in un centro di innovazione per esplorare e implementare le migliori pratiche orientate al futuro.

 

People, Purpose e Planet

La visione di un futuro rigenerativo, inclusivo e audace ha dominato le discussioni, con oltre 80 relatori che
hanno illuminato i palcoscenici con idee innovative e pratiche per rendere la società più sostenibile per
tutti. Il manifesto elaborato al termine dell’evento si è basato su tre pilastri: People, Purpose e Planet.

 

People

Cominciando dal primo pilastro, il Rettore dell’Università Bocconi, Francesco Billari, ha introdotto i
principali contrasti che mettono a rischio il nostro futuro: transizione demografica, paradosso del lavoro e
migrazioni. Ha anche denunciato l’approccio emergenziale che guida le politiche riguardanti le People e la
scarsa cooperazione tra paesi che sta solamente allontanando il raggiungimento degli obiettivi ESG
(Ambiente, Sociale e Governance).

 

Purpose

Nell’ambito del Purpose, gli ospiti hanno sottolineato il prezioso ruolo del settore privato e l’importanza del
coinvolgimento nelle iniziative pubbliche. In particolare, Giovanni Sandri, Managing Director di Blackrock,
ha spiegato come la collaborazione tra settore pubblico e privato nella ricerca di soluzioni per problemi
socio-economici critici sia fondamentale per raggiungere gli obiettivi sostenibili fissati dalle istituzioni e per
affrontare sfide come la transizione energetica e l’aggiornamento delle infrastrutture. Lo Stato non dispone
delle risorse finanziarie sufficienti per affrontare tutte le sfide future, e le imprese possono sicuramente
svolgere un ruolo chiave nel trovare soluzioni innovative.

 

Planet

Gli spunti più intriganti sono emersi nell’ultima giornata dedicata al Planet. Tutto è partito dall’enfatizzare
l’importanza della natura nel generare valore per le aziende: si stima che circa 58 trilioni di dollari siano il
valore generato dalle aziende mondiali grazie alla natura.

In risposta a questo, la proposta della Professoressa Ariela Caglio mira ad integrare la natura come
autentico stakeholder aziendale, riconoscendo il suo valore tangibile nei bilanci aziendali. Il suo modello
economico potrebbe effettivamente rivoluzionare il modo in cui misuriamo il successo economico.
Simeon Rose, Direttore Creativo di Faith In Nature, ha fornito un esempio concreto di come l’azienda abbia
integrato la natura nel suo consiglio di amministrazione, conferendole il diritto di voto in ogni decisione
aziendale.

 

Infine, Olivier Elamine, CEO di Alstria, ha presentato il concetto innovativo del ‘green-dividend’ destinando
una parte degli utili aziendali a finanziare progetti no-profit a favore del pianeta. In questo modo, gli
azionisti sapranno che una parte del loro dividendo contribuirà a compensare le ‘fatture’ inviate dalla natura.

 

In sintesi, il Pact 4 Future ha offerto uno spazio per idee audaci e azioni concrete volte a plasmare un futuro
migliore. Queste riflessioni sollevano interrogativi cruciali sul ruolo delle imprese nella società,
sull’importanza della collaborazione e sull’urgenza di agire per preservare il nostro pianeta. Nonostante ci
siano state anche notizie negative, queste hanno stimolato una riflessione profonda sulle soluzioni attuate
finora: l’85% degli obiettivi dell’agenda 2030 non verrà raggiunto entro il termine previsto.

Questo dato suggerisce la necessità cruciale di cambiare strategie o stabilire obiettivi più realistici in termini di
tempistiche. Solo il tempo potrà confermare se stiamo procedendo nella direzione giusta, ma intanto è
essenziale agire concretamente e mantenere un atteggiamento positivo, sapendo che c’è un’intera comunità desiderosa di cambiare e pronta a costruire un futuro più sostenibile.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Federico Rivi

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2024 millionaire.it.