Panasonic ai dipendenti: “Siate efficienti e meno occupati”

0
6084
Sede Panasonic di Kadoma, Osaka © Pokarin

In una direttiva, il presidente della multinazionale giapponese invita i lavoratori a non restare in ufficio dopo le 20.

Non serve trattenersi in ufficio e accumulare ore di straordinario per essere produttivi. Basta lavorare negli orari stabiliti. Ne è convinto il presidente di Panasonic Kazuhiro Tsuga, che ha chiesto ai dipendenti di essere efficienti, ma meno impegnati.

Il Giappone è uno dei paesi in cui si passa più tempo sul posto di lavoro, a scapito della qualità della vita e dei rapporti sociali. Dati pubblicati dall’Istituto giapponese delle Politiche del Lavoro nel 2014 rivelano che è il paese del G7 con la più alta percentuale di impiegati che passano più di 49 ore a settimana in ufficio. E, allo stesso tempo, è l’ultimo tra i sette per produttività.

La multinazionale giapponese sconsiglia ai suoi 100mila lavoratori di restare in ufficio dopo le ore 20, di limitare gli straordinari a un massimo di 80 ore al mese e utilizzare tutte le ferie cui si ha diritto.

Secondo gli standard di Panasonic, la giornata di lavoro non dovrebbe durare più di 7 ore e 45 minuti. Gli orari possono variare in base ai ruoli. Kazuhiro ha anche incoraggiato l’adozione di un sistema flessibile, basato sul telelavoro.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here