Parità? Ferrari ottiene la certificazione Equal Salary: stesso stipendio per uomini e donne

0
6335
ferrari equal salary

Ferrari è la prima azienda italiana a ricevere la certificazione Equal Salary, che rileva la totale parità di retribuzione tra donne e uomini che hanno stesse qualifiche e mansioni. Qualcuno si stupirà, perché la parità salariale dovrebbe essere la norma, un dato scontato che non ha bisogno di certificazioni. Ma la realtà è ben diversa. Le donne guadagnano meno degli uomini. Secondo i dati Eurostat, il divario retributivo orario è del 16% in Europa, del 5% in Italia. E, se si guarda allo stipendio mensile lordo, la differenza in busta paga sale al 23,7% nel nostro Paese (la media europea è del 29,6%), perché le donne lavorano spesso part-time.

Ecco perché fa ancora notizia la totale assenza di “gender pay gap” tra i dipendenti di Maranello. La fondazione svizzera Equal Salary ha conferito la certificazione dopo uno studio durato otto mesi e condotto dalla società di revisione PwC, secondo una metodologia riconosciuta dalla Commissione Europea. Sono stati analizzati i livelli retributivi, ma anche le politiche di gestione e sviluppo delle risorse umane. I lavoratori hanno compilato alcuni sondaggi in forma anonima e hanno partecipato a interviste sulla loro percezione dell’impegno di Ferrari su inclusione e diversità.

«La parità retributiva e di opportunità non riguarda solo un principio di equità. È un pilastro fondamentale per attrarre, trattenere e sviluppare i migliori talenti e stimolare così l’innovazione e la nostra crescita nel lungo periodo» ha commentato l’ad Louis Camilleri. Che ha definito la certificazione «una pietra miliare» in un percorso di miglioramento continuo.

Anche il numero di donne in azienda cresce. Dal 2016 al 2019, le dipendenti sono aumentate dall’11,5% a oltre il 14% dei 4.285 lavoratori complessivi (dati al 31 dicembre).

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.