Tre giovani ingegneri creano il robot a energia solare che pulisce le città

2984
Pixies robot

Un robot che si alimenta a energia solare, in grado di riconoscere e raccogliere rifiuti urbani (per ora bottiglie di plastica e rifiuti indifferenziati) per 12 ore, per poi ritornare a ricaricarsi al punto di partenza, una panchina. Si chiama Pixies ed è stato costruito da 3 ingegneri di Roma.

Andrea Saliola, Pier Paolo Ceccaranelli e Flavio Ceccarelli hanno 25 anni e la convinzione che la tecnologia possa rendere le città più sostenibili ed efficienti.

«L’idea è nata durante un workshop dell’architetto Carlo Ratti che ho seguito all’università» ci spiega Andrea, che come Pier Paolo si è laureato in Ingegneria edile-Architettura a Tor Vergata.

«Sono partito dall’arredo urbano, per risolvere un problema legato a comportamenti sbagliati di noi cittadini». Il littering (l’atto di gettare i rifiuti impropriamente sul suolo pubblico) comporta in Europa un costo di più di 10 miliardi di euro e incide pesantemente sull’inquinamento dei mari.

«La nostra idea non è quella di smantellare la città e ricostruirla, ma di fare un’operazione di microchirurgia, costruendo un piccolo sistema che si integri nella città. Per questo abbiamo pensato a una panchina dove il robot possa “entrare” e ricaricarsi. Pixies si muove nello spazio urbano, sa evitare gli ostacoli e grazie all’intelligenza artificiale riconosce i rifiuti».

I 3 ragazzi hanno costruito il prototipo nel settembre scorso, grazie a una stampante 3D che utilizza i filamenti di plastica riciclata. L’idea infatti è quella di costruire altri oggetti a partire dai rifiuti che si raccolgono, in un’ottica di economia circolare.

«Tra acquisto della stampante, costruzione del prototipo e strutturazione del business con una società di consulenza abbiamo speso circa 10mila euro». Secondo il loro business model, i destinatari del robot saranno all’inizio i campus universitari e i grandi uffici, in seguito le utility municipali come Ama a Roma e Amsa a Milano.

«Stiamo depositando il brevetto, ma c’è ancora molto lavoro da fare sulla tecnologia. Siamo entrati in un percorso di pre-incubazione in i3P, l’incubatore del Politecnico di Torino. E siamo stati tra i 20 finalisti e unica startup italiana del Green Alley Award».

INFO: www.pixiesurbanlab.com

Tratto dall’articolo “Cara città, così ti trasformo in un centro sostenibile” pubblicato su Millionaire di aprile 2021.

robot città verdi
L’apertura dell’articolo pubblicato su Millionaire di aprile 2021.
Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.