Realtà o utopia? Ecco The Line

330
Arabia Saudita

Arabia Saudita: in cantiere una città futuristica

9 milioni di persone, 170 chilometri di lunghezza e 500 metri di altezza. Questa è THE LINE, la nuova città che verrà costruita in appena 34 chilometri quadrati nella provincia di Tabuk, nel nord-ovest dell’Arabia Saudita.

Nessuna strada, auto o emissioni, funzionerà al 100% con energia rinnovabile e il 95% della terra sarà preservato dalla natura. La salute e il benessere delle persone avranno la priorità rispetto ai trasporti e alle infrastrutture, a differenza delle città tradizionali. Solo 200 metri di larghezza, ma con un clima ideale tutto l’anno che farà sì che i residenti possano godersi la natura circostante.

I residenti avranno anche accesso a tutte le strutture entro cinque minuti a piedi, oltre alla ferrovia ad alta velocità, con un transito end-to-end di 20 minuti, raggiungendo una velocità di 512 km/h. La città sarà composta da tre strati, di cui uno in superficie per i pedoni, uno sotterraneo per le infrastrutture e un altro sotterraneo per i trasporti.

La città sarà a zero emissioni di carbonio, grazie all’eliminazione delle infrastrutture ad alta intensità di carbonio. I servizi automatizzati saranno alimentati dall’intelligenza artificiale e per garantire la creazione di spazi microclimatici, l’ambiente è stato accuratamente progettato per consentire un equilibrio ottimale tra luce solare, ombra e ventilazione naturale. Inoltre, gli spazi verdi aperti in tutta la città miglioreranno ulteriormente il comfort per chi vive, lavora e visita qui.

 

Un nuovo approccio alla progettazione urbana

THE LINE offre un nuovo approccio alla progettazione urbana: l’idea di stratificare le funzioni della città verticalmente dando alle persone la possibilità di muoversi in tre dimensioni (su, giù o attraverso) è un concetto denominato Zero Gravity Urbanism. Questo concetto sovrappone parchi pubblici e aree pedonali, scuole, case e uffici, in modo che ci si possa muovere in cinque minuti.

THE LINE avrà una facciata esterna a specchio che permetterà alla città di fondersi con la natura, mentre l’interno sarà costruito da un team di architetti e ingegneri di fama mondiale, guidato da NEOM, per sviluppare questo concetto rivoluzionario per la città del futuro.

Non ci sono nuovi dettagli sui costi di realizzazione, ma l’anno scorso bin Salman li aveva stimati tra i 100 e i 200 miliardi di euro. Nelle previsioni saudite, l’intera città dovrebbe essere completata entro il 2025.

 

Un’esposizione per raccontare la città del futuro

Sarà aperta fino al 14 agosto a Jeddah una mostra per condividere con il pubblico l’idea della città del futuro. L’esposizione include progetti dettagliati, render e concetti architettonici, consentendo ai visitatori di comprendere meglio la portata e la complessità del progetto. La mostra offrirà quasi 50 visite guidate al giorno sia in arabo che in inglese.

Durante la mostra, il pubblico potrà vivere in prima persona THE LINE ed esplorare le infinite possibilità del vivere futuro. La mostra poi si sposterà in altre località come Riyadh.

Il governo saudita afferma che creerà 380.000 posti di lavoro, stimolerà la diversificazione economica e contribuirà con 48 miliardi di dollari al PIL interno entro il 2030. I primi lavori sono iniziati nell’ottobre 2021, ma la prima fase del progetto dovrebbe essere completata nel 2030.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente9 piattaforme di e-learning online gratuite
Prossimo articoloVitamine nella frutta: un sensore per dirci quante