Relazioni tra colleghi? Ecco le regole di Google e Facebook

0
1471

Secondo le due compagnie Usa, un dipendente può chiedere solo una volta a un o una collega di uscire insieme: se la risposta è “no”, non può insistere.

Le relazioni nate sul luogo di lavoro possono creare tensioni e complicare i rapporti tra i colleghi. Non solo. Nell’ambiente di lavoro il confine tra avances e molestie, può essere una linea molto sottile. Ecco perché le big companies degli Stati Uniti suggeriscono ai dipendenti alcune semplici regole da adottare quando in ufficio scoppia l’amore. Le riporta il Wall Street Journal, soffermandosi in particolare sulle indicazioni date da Facebook e Alphabet, la holding di Google.

In entrambe le società le relazioni tra colleghi non sono assolutamente vietate. Facebook non impone ai dipendenti di comunicare la nascita di una nuova coppia, tranne in caso di «conflitto d’interesse». Per esempio, quando la relazione riguarda un manager e un suo sottoposto. Secondo il WSJ, Google invece avrebbe stabilito un “codice di comportamento” anche per i colleghi che si frequentano.

La regola principale, comune alle due società, «prevede che un (o una) dipendente possa chiedere solo una volta a un altro di uscire insieme. Se la risposta è “no”, non può chiederlo di nuovo». E non conta solo il rifiuto secco e categorico. Anche frasi piu’ velate come “stasera non posso” o “devo controllare i miei impegni” sono da considerarsi una risposta negativa. Solo chi è stato invitato potrà tornare sui suoi passi e chiedere una seconda chance al collega. Questo per evitare eventuali “persecuzioni” e casi di stalking.

Secondo i due giornalisti che hanno firmato l’articolo, regole simili sono quasi necessarie in ambienti di lavoro dove i dipendenti frequentano un campus e quindi si ritrovano insieme, oltre che in ufficio, anche in palestra, al bar o dal parrucchiere.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here