fbpx
revolut

Revolut raccoglie 500 milioni di dollari: ora vale 5,5 miliardi

La fintech inglese Revolut cresce a gran velocità. In meno di cinque anni ha conquistato 10 milioni di utenti in oltre 30 Paesi tra Europa, Australia e Singapore. Nel 2018 ha raggiunto lo status di unicorno, ossia società valutata più di un miliardo di dollari. I ricavi sono aumentati del 354%. I clienti sono cresciuti del 169% nell’ultimo anno. Oggi la startup ha annunciato un nuovo round di investimento Serie D da 500 milioni di dollari, guidato dal fondo americano Tcv, che porta la valutazione di Revolut a 5,5 miliardi. È l’azienda tech a più rapida crescita del Regno Unito. Tra le startup fintech con la più alta valutazione in Europa.

Revolut permette ai suoi utenti di aprire un conto gratuito in pochi minuti tramite smartphone, inviare e ricevere denaro, controllare il budget, prelevare al bancomat, trasferire soldi all’estero o spendere in oltre 150 valute al tasso di cambio interbancario. Tutto senza commissioni nascoste. L’hanno definita “la Spotify delle banche”. Ha un modello freemium, con un piano standard gratuito e i pacchetti Premium e Metal con plafond più alti e servizi aggiuntivi.

Il nuovo capitale raccolto servirà a migliorare la customer experience e «rafforzare l’offerta retail e business di Revolut nei mercati esistenti» spiega la società. «I piani futuri includono: servizi di credito, l’estensione di conti deposito con tassi di interesse molto vantaggiosi fuori dal Regno Unito, il rafforzamento ulteriore dell’assistenza clienti e il lancio delle operazioni bancarie in Europa».

La rivoluzione nel mondo bancario

«Sogno di fare una rivoluzione nel mondo bancario. E creare una piattaforma globale che permetta a tutti di gestire le proprie finanze in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo con il proprio smartphone» ci ha raccontato Nik Storonsky, co-founder di Revolut, in un’intervista pubblicata su Millionaire di febbraio (adesso in edicola). 35 anni, arrivato a Londra dalla Russia, Storonsky ha iniziato a lavorare come trader per le grandi banche della City, passando da Lehman Brothers a Credit Suisse. Nel 2015 ha creato Revolut insieme a Vlad Yatsenko, ex sistemista di Deutsche Bank. La fintech, attiva anche in Italia, ha 2000 dipendenti e punta a 100 milioni di utenti entro il 2023.

revolut millionaire
L’apertura dell’articolo pubblicato su Millionaire di febbraio 2020.

Smau 2023 sbarca a San Francisco

Dopo il successo di Milano, il programma della nuova stagione con l’esordio a maggio in California.   Smau, la fiera italiana numero uno in tema

Torino: l’incubatore delle startup

Come fare parte di OGR Tech e accedere ai programmi di accelerazione accanto ai giganti dell’innovazione   Un edificio industriale dismesso, una fondazione che ha

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.