«Risorse gratuite per la quarantena: così il mio sito è diventato virale»

2
8422
quarantena coronavirus casa

Se usate WhatsApp, in queste ore forse vi sarà capitato di ricevere l’indirizzo di un sito web che raccoglie, in un’unica pagina, una serie di «risorse gratuite per la quarantena». Link di musei, mostre virtuali, tv, corsi online, attività da svolgere a casa e contenuti da guardare su smartphone e pc. Un sito (www.irac.eu) nato per diletto, diventato in pochi giorni virale grazie alla Rete e al passaparola sui social. Chi c’è dietro? Un odontotecnico di Milano appassionato di web e scrittura.

«Sono a casa ormai da più di tre settimane. Dieci giorni fa, vedendo varie iniziative di musei e imprese che offrono risorse online con l’hashtag #iorestoacasa, ho creato la pagina con Google Sites. Più come promemoria, per me e qualche amico» racconta Ilario Vannucchi, 47 anni. «Ho condiviso il link su qualche post e sito a tema, ma non pensavo che avrebbe avuto così tanto seguito. Si è creato un tam tam sui social, soprattutto su WhatsApp. Quattro giorni fa ho avuto 2000 visite. Il giorno dopo 20.000. Ieri 700.000. Ogni volta che mi collego vedo almeno 20.000 persone online».

Il popolo del web partecipa attivamente, segnalando sulla pagina Facebook dedicata nuovi link da aggiungere alla lista. «Prima facevo fatica a trovarne 4-5 al giorno, ora mi arrivano messaggi di continuo». Il sito (trasferito sul dominio irac.eu) è in costante aggiornamento. «Ho appena aggiunto una sezione dedicata alle iniziative del giorno, come gli eventi in live streaming».

ilario vannucchi

Ilario ci racconta la sua passione per scrittura e blogging. Ha autopubblicato due libri, creato un blog personale, scrive online anche di cucina e musica («per 15 anni ho gestito un sito sul didgeridoo, uno strumento aborigeno a fiato»). Ma non aveva mai raggiunto così tante persone. «All’inizio ho pensato che fosse quasi uno “spreco” non monetizzare, avrei potuto aggiungere inserzioni, ma ho lasciato solo il pulsante PayPal per eventuali donazioni spontanee. La gente apprezza che il sito sia semplice e senza fine di lucro».

Quando l’emergenza sarà finita? «Spero di continuare. È sempre utile un sito di risorse gratuite all’insegna di solidarietà e cultura. Intanto, anche a casa, non mi annoio. Mia moglie lavora in smart working, io cucino, aiuto i miei figli, tra lezioni online e compiti dal registro elettronico. Poi aggiorno il sito, rispondo ai messaggi su Facebook, verifico ogni iniziativa che mi viene segnalata. Aspettando di tornare alla normalità». quarantena

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Ciao, anche Creatori di Brand, nel suo piccolo, ha messo a disposizione un corso blog gratuito al mese per 10 mamme freelance che vogliono imparare ad utilizzare questo strumento, per lavorare da casa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.