Scienziate e maternità: un futuro incerto frena il desiderio di avere figli.

Di
Redazione Millionaire.it
12 Maggio 2024

Un quinto delle scienziate, esperte di clima, che hanno risposto a un sondaggio del Guardian ha dichiarato di aver scelto di non avere figli, o di averne avuti meno, a causa delle crisi ambientali che affliggono il mondo.

Si tratta di decisioni estremamente difficili, come hanno raccontato le studiose coinvolte. La dottoressa Shobha Maharaj, esperta degli effetti della crisi climatica a Trinidad e Tobago, ha scelto di avere un solo figlio, un maschio che ora ha sei anni. “Scegliere di avere un figlio è stata e continua a essere una lotta”, ha affermato.

Maharaj ha spiegato che la paura di ciò che riserverà il futuro a suo figlio, unita al pensiero di aggiungere un altro essere umano al pianeta, hanno influito sulla sua scelta: “Quando cresci su una piccola isola, diventa parte di te. Le piccole isole stanno già subendo un forte impatto negativo, quindi c’è questo costante senso di perdita imminente e non volevo semplicemente trasferire tutto questo a mio figlio”.

Tuttavia, “mio marito è la persona più orientata alla famiglia che conosca”, ha aggiunto Maharaj. “Quindi questo è stato un compromesso: un figlio, non di più. Chissà, forse mio figlio crescerà e diventerà qualcuno che potrà aiutare a trovare una soluzione”.

Il Guardian ha contattato tutti i responsabili dei report del Gruppo Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) dal 2018. I rapporti dell’IPCC sono il punto di riferimento per la conoscenza del clima. Delle 843 persone contattate, 360 hanno risposto alla domanda sulle decisioni di vita, un tasso di risposta elevato.

Novantasette scienziate hanno risposto, di cui 17, provenienti da Brasile, Cile, Germania, India e Kenya, hanno dichiarato di aver scelto di avere meno figli. Tutte le scienziate intervistate, tranne l’1%, avevano più di 40 anni e due terzi più di 50 anni, a riflesso delle posizioni di alto livello raggiunte nella loro professione. Un quarto delle intervistate erano donne, la stessa percentuale della composizione complessiva degli autori dei rapporti IPCC.

I risultati sono emersi in risposta a una domanda su importanti decisioni personali prese in risposta alla crisi climatica da parte di scienziate che ne sanno di più e che si aspettano un aumento delle temperature globali ben al di sopra degli obiettivi internazionali nei prossimi anni. Il 7% degli scienziati uomini che hanno risposto ha dichiarato di non aver avuto figli o di averne avuti meno di quanti ne avrebbero altrimenti voluti.

La maggior parte delle scienziate intervistate aveva preso le proprie decisioni sui figli decenni fa, quando erano più giovani e il grave pericolo del riscaldamento globale era meno evidente. Hanno affermato di non aver voluto contribuire all’aumento della popolazione umana globale che sta avendo un forte impatto ambientale sul pianeta, e alcune hanno anche espresso timori per il caos climatico che un bambino potrebbe dover affrontare.

Il ruolo della crescita della popolazione globale nella distruzione della natura e nella crisi climatica è un argomento che divide da decenni. La pubblicazione di “The Population Bomb” del professor Paul Ehrlich nel 1968, citato da diverse scienziate nelle loro risposte al sondaggio, è stato un punto di svolta. Il dibattito ha suscitato accuse di razzismo in passato, poiché le nazioni con una popolazione in rapida crescita sono in gran parte quelle dell’Africa e dell’Asia.

Il controllo obbligatorio della popolazione non fa parte del dibattito odierno su popolazione e ambiente; si considerano politiche efficaci e umane migliori opportunità educative per le ragazze e l’accesso alla contraccezione per le donne che la desiderano.

La professoressa Camille Parmesan, del centro di ecologia del CNRS in Francia, ha dichiarato: “Quando ho preso la mia decisione, era molto chiaro nella comunità ecologica che la crescita della popolazione umana era un problema: la preservazione della biodiversità dipendeva assolutamente dalla stabilizzazione della popolazione”.

La professoressa Regina Rodrigues, oceanografa presso l’Università Federale di Santa Catarina in Brasile, che ha anche scelto di non avere figli, è stata influenzata dalla distruzione ambientale che ha visto nella città costiera in rapida espansione vicino a San Paolo dove è cresciuta.

“La limitazione delle risorse mi è stata chiara fin da giovane”, ha affermato. “Poi ho appreso del cambiamento climatico ed è stato ancora più chiaro per me. Sono completamente soddisfatta di insegnare e trasmettere ciò che so alle persone.”

Le implicazioni etiche e le sfide future

Le decisioni prese dalle scienziate del clima intervistate sollevano importanti questioni etiche e sfide future. Da un lato, la loro scelta di non avere figli o di averne meno può essere vista come un atto di responsabilità verso il pianeta e le generazioni future. In un mondo alle prese con crisi ambientali sempre più gravi, è legittimo chiedersi se sia etico portare al mondo nuovi esseri umani che dovranno affrontare un futuro incerto e pieno di sfide.

Dall’altro lato, la scelta di non avere figli rappresenta una rinuncia alla procreazione e alla trasmissione del proprio patrimonio genetico. Inoltre, potrebbe essere vista come un segno di pessimismo e rassegnazione di fronte alle sfide climatiche, piuttosto che come un incentivo a trovare soluzioni e ad agire per un futuro migliore.

Sembra quasi una scelta contraria a quanto gran parte dei paesi occidentali cercano di promuovere: fare più figli per non avere popolazioni destinate a invecchiare e una società incapace di ‘sostenersi’ – anche finanziariamente. 

Al tempo stesso, quando intervistate, molte ragazze, anche in Italia, dichiarano di aver rinunciato o rimandato la maternità anche per ragioni economiche. Un’altra scelta sofferta per molte di loro.

È importante sottolineare che la scelta di avere o meno figli è una decisione personale e complessa che deve essere presa liberamente da ogni individuo, in base alle proprie convinzioni, valori e circostanze. Non esiste una risposta giusta o sbagliata, e non è giusto giudicare le scelte degli altri.

Le sfide future legate al cambiamento climatico e alla crescita della popolazione richiederanno soluzioni innovative e collaborative a tutti i livelli della società. È necessario un impegno globale per ridurre le emissioni di gas serra, promuovere la sostenibilità e investire in tecnologie pulite. Allo stesso tempo, è fondamentale garantire un accesso equo alle risorse e alle opportunità per tutti, indipendentemente dal numero di figli che scelgono di avere.

Le scienziate che hanno scelto di non avere figli o di averne meno hanno lanciato un segnale forte e chiaro: il futuro del nostro pianeta è in gioco e non possiamo più permetterci di fare business come al solito. È necessario un cambiamento radicale nel nostro modo di vivere e di pensare, se vogliamo garantire un futuro sostenibile per le generazioni future.

La scelta di avere o meno figli è solo una parte del puzzle. Per affrontare le sfide del cambiamento climatico e della crescita della popolazione è necessario un impegno collettivo e un cambiamento sistemico a tutti i livelli della società. Solo attraverso la collaborazione e l’innovazione potremo costruire un futuro più sostenibile per tutti.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Federico Rivi

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2024 millionaire.it.