SEAct, arriva la call per la salvaguardia della barriera corallina

461
barriera corallina

Una call a difesa degli oceani. Si chiama SEAct. È stata lanciata dalla non profit MSC Foundation con l’acceleratore Le Village by Crédit Agricole Milano. E invita startup, Pmi, ricercatori, Ong e università a proporre soluzioni innovative per la salvaguardia della barriera corallina e dell’ecosistema marino. Candidature online entro il 30 settembre.

Le barriere coralline sono fondamentali per la salute degli oceani. E non solo. Il 25% della vita marina dipende dal “reef”, così come il 10% della popolazione mondiale (per cibo, economia, protezione delle coste). Eppure, nonostante la loro importanza, le barriere rischiano di estinguersi nell’arco dei prossimi 30 anni. Tante le cause: il loro sfruttamento eccessivo, le tecniche di pesca distruttive, l’intenso sviluppo costiero e soprattutto il riscaldamento globale.

Per scongiurare il rischio, la soluzione è il ripristino dei coralli su larga scala, realizzato in modo da massimizzare la loro resilienza al riscaldamento. Da qui la call di MSC Foundation e Le Village.

Si cercano idee e progetti innovativi, che utilizzino tecniche disruptive, tecnologie o materiali che siano in armonia con l’ambiente marino. Per esempio, la stampa 3D di strutture coralline o l’applicazione di tecniche di produzione di massa per le attività di ripristino. Proposte concrete che possano avere un impatto reale nella salvaguardia degli oceani.

Le idee saranno valutate in base a criteri di rilevanza, impatto, innovazione, sostenibilità e rapporto costo-efficacia.

MSC Foundation supporterà i tre candidati migliori nello sviluppo del proprio progetto, offrendo visibilità, consulenza e una potenziale partnership.

Per candidarsi, basta compilare il form online (in inglese) sul sito di Le Village.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIl chirurgo dell’advertising
Prossimo articoloCallipo premia i lavoratori (con bonus e buoni benzina)