Arrivano i distributori automatici di racconti

0
2808
short story dispenser
Foto di Olivier Alexandre

Un distributore automatico che, al posto di offrire snack o caffè, stampa racconti brevi, da leggere in pochi minuti in metropolitana, al bar o nelle sale d’attesa di stazioni e luoghi pubblici. L’idea arriva dalla Francia, ma ha conquistato migliaia di lettori in tutto il mondo, da San Francisco a Hong Kong. Si chiama Short Story Dispenser.

«Nel 2011 abbiamo creato il sito short-edition.com, a Grenoble, per promuovere i contenuti brevi e costruire una community di lettori e scrittori» racconta Loïc Giraut, Business Development Manager della piattaforma. «Alla fine del 2015 i quattro fondatori (Isabelle e Quentin Pleplé, Sylvia Tempesta, Christophe Sibieude) hanno avuto l’idea davanti alla macchinetta del caffè: “Perché non creare un distributore, non di bibite e snack, ma di letteratura?” Così è nato Short Story Dispenser. Il primo è stato installato a Grenoble».

Dalla Francia alla Silicon Valley

Il progetto pilota ha subito riscosso grande successo. Il sindaco della città ha richiesto altri dispenser, i media hanno promosso l’idea e in pochi mesi la startup ha installato le macchinette dei racconti anche a Parigi e nel resto della Francia. La svolta è arrivata nel 2016, quando il team di Short Édition è stato contattato da Francis Ford Coppola.  «Ero a Parigi e per caso ho sentito alcune persone che parlavano del vostro concept» avrebbe detto il regista. «Adoro l’idea di un distributore automatico che non distribuisce patatine, birra, caffè o banconote, ma ti dà arte. Mi piace soprattutto che non devi metterci soldi».

Come funziona lo Short Story Dispenser

La stampa, infatti, è gratuita. Basta premere uno dei tre pulsanti presenti sulla colonnina per avere una storia da leggere in 1, 3 o 5 minuti. Ogni racconto è impresso su un foglio di carta ecologica che assomiglia a uno scontrino, lungo fino a un metro. «La nostra missione è rendere la letteratura accessibile a tutti, mettendo storie brevi – narrativa, poesia, fumetti o racconti per bambini – nelle mani dei lettori». A pagare per il servizio, costo del dispositivo più una fee mensile per contenuti e software, sono gli esercenti e le amministrazioni che decidono di installare i dispenser.

Coppola ha acquistato le colonnine per il suo caffè letterario di San Francisco, Café Zoetrope, e per le sue cantine della Napa Valley. In seguito, ha investito nel progetto, contribuendo alla diffusione dei distributori negli Stati Uniti.

La startup ha ottenuto diversi riconoscimenti e investimenti (oltre 2 milioni di euro). Nel 2018 ha vinto il premio “Tech for a better world” al CES di Las Vegas. Oggi conta 19 dipendenti, tra Grenoble e Parigi. Ha distribuito i racconti di 8000 autori indipendenti attraverso 172 distributori. Gli ultimi sono stati installati a Londra. La piattaforma conta 300mila lettori iscritti e 30 milioni di racconti disponibili.

Info: https://dispenser.short-edition.com

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.