Successi ed errori: il libro confessione di Virgilio Degiovanni

0
4876

Una vita a 100 chilometri all’ora, tutta racchiusa in un libro confessione, tra successi, cadute e rinascite.

“Come ho guadagnato e perso 3mila miliardi di lire” (15 euro, 300 pagine, Cairo Editore) è l’autobiografia con cui Virgilio Degiovanni, imprenditore poliedrico e visionario, si racconta con occhi sinceri e privi di inutili autodifese.

Diciannove capitoli, più una postfazione, in cui l’autore guarda al suo passato con due coinvolgenti eventi che fanno da padrone sul resto della narrazione.

Il crollo del titolo borsistico di Freedomland, la prima Internet tv in Europa, quotata a una cifra record di 3mila miliardi di lire:

Al giorno della prima quotazione, gravissimo errore, ero arrivato completamente nudo, senza un solo strumento d’aiuto, esplicito o indotto che fosse, salendo una montagna immensa al pari di uno scalatore tanto folle da partire senza corde, scarpe, ferri o picozze».

E l’esperienza del coma: tre settimane in bilico tra la vita e la morte dopo un gravissimo incidente in Corsica, raccontate con una scioccante crudezza:

Due medici mi praticarono all’istante una tracheotomia, bucandomi il collo e infilandoci un tubo collegato a una macchina per respirare. La diagnosi era però la peggiore: coma profondo di quarto grado».

Due tragedie, umana e imprenditoriale, da cui l’imprenditore riesce a rialzarsi e la narrazione degli eventi successivi (imprese e progetti messi in cantiere con una straordinaria energia e vitalità ancora oggi) ne diviene la più vivida testimonianza.

Come è riuscito a farlo? Dove ha trovato le forze per rimettere su un giusto binario la sua vita?

L’autore non ha dubbi: ha iniziato a imparare dai suoi errori:

Ho sbagliato tanto. Da tempo non lodo più me stesso per la capacità dimostrata di saper creare da zero una miriade di imprese, nei settori più diversi e complessi. Ho cercato di mettere a frutto gli errori, per imparare una volta per tutte a non rifarne».

Ne viene fuori il ritratto di un uomo che sa come ripartire da zero, che ha voglia di raccontare la sua esperienza “ai passanti” per evitare che finiscano vittima delle trappole in cui lui stesso è caduto.

Consigliato agli startupper che possono mettere a frutto le lezioni di impresa di cui il testo è disseminato.

Ma anche a chi semplicemente vuole conoscere le gesta poco ordinarie, le avventure coinvolgenti di uomo sicuramente discusso.

Ma mai banale.

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.