fbpx

Italia: “i rider sono dipendenti a tutti gli effetti”

Il ricorso tra Glovo e il collaboratore licenziato circa un anno fa, si conclude con il reintegro a tempo pieno del lavoratore e un risarcimento per l’anno non lavorato.

 

È bastata un’interpretazione dell’articolo 2 del Jobs Art da parte del Giudice Riccardo Anastasio del Tribunale del lavoro di Milano per far arrivare una vera batosta a Glovo.

Un’interpretazione già fornita anche dalla Corte di Cassazione nel 2020 nel caso di cinque ex rider di Foodora.

Secondo l’art. 2, i collaboratori che lavorano per unazienda con continuità e che vengono organizzati dal committente con indicazioni in merito a tempi e luoghi di lavoro, devono avere le stesse  condizioni dei lavoratori subordinati. Nel caso dei rider si parla di etero-organizzazione, ossia quei lavoratori che sono a metà strada fra un dipendente e un collaboratore esterno.

Tutto era iniziato un anno fa quando Glovo aveva licenziato il fattorino per un presunto atto illegittimo compiuto durante il turno. Un’azione che però il giudizio non intravede e che ribalta la situazione. Questa volta è il fattorino a fare causa a Glovo e la collaborazione diventa così un vero e proprio contratto, non più part time, ma a tempo pieno. Al posto del tipico contratto logistico per i driver, si passa a quello del commercio, con condizioni nettamente migliori: partirà da una base di 1.400 euro/lordi con 14 mensilità.

Glovo è anche tenuta a riconoscere “un’indennità risarcitoria commisurata all’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del trattamento di fine rapporto nella misura di € 717,88 lordi mensili dalla data del licenziamento fino a quella di effettiva reintegrazione (dedotto quanto il lavoratore abbia percepito per lo svolgimento di altre attività lavorative nonché quanto avrebbe potuto percepire) oltre interessi e rivalutazione monetaria” e a versare i contributi previdenziali e assistenziali dal giorno del licenziamento fino a quello di effettiva reintegrazione”.

La società, difesa dagli avvocati Francesco Tanca e Federica Pagani, è stata condannata a risarcire 6mila euro di spese legali e versare al lavoratore quanto avrebbe percepito dal giorno del licenziamento oltre ai contributi previdenziali e assistenziali. Per noi è una sentenza molto importante – dichiara a LaPresse Massimo Laratro, uno dei legali del rider e del sindacato Deliverance’ che opera fra a fattorini delle consegne a Milano – abbiamo centinaia di casi simili e pur mancando il riconoscimento del rapporto di lavoro subordinato lequiparazione al contratto nazionale è un passaggio fondamentale”.

Glovo Italia, a seguito della sentenza emessa dal Tribunale di Milano che ha disposto la riqualificazione del rapporto di lavoro come subordinato per un corriere, rende noto che, in attesa di conoscere le motivazioni del Giudice, valuterà tutti gli strumenti a sua disposizione per ribadire la legittimità del proprio modello operativo.

 

Il caso Just Eat

Proprio in questi giorni anche i rider di Just Eat sono scesi in piazza chiedendo laumento delle ore contrattuali. Il loro è un servizio che si può svolgere anche a tempo pieno e non limitato a 10/15 ore. Basta straordinari e part-time”, è la loro richiesta.

A Roma, lo scorso marzo ha aperto lHub Just Eat, il primo polo logistico del mercato food delivery. Lo spazio, di circa 500 metri quadrati, rivoluziona le modalità di lavoro del settore, fornendo mezzi aziendali ai lavoratori. I mezzi utilizzati sono elettrici: 120 scooter Cooltra per una mobilità sempre più green, con 150 courier regolarmente assunti nellHub romano. Il nuovo modello di deliveryper Just Eat è iniziato il 29 marzo del 2021 grazie allaccordo sindacale con Filt Cgil, Fit-Cisl e Uil Trasporti. Nasce così il primo contratto collettivo per i rider in Europa che ha permesso lassunzione di oltre 6mila courier dipendenti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Il modello dellHub romano sarà ripetuto a Milano e Firenze.

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.