Yoox Net-a-Porter, Richemont lancia un’Opa sul 100% delle azioni

0
3097
Portrait of Federico Marchetti. Photo Jonathan Frantini

Operazione da 2,7 miliardi di euro. Il titolo vola in Borsa. Il fondatore Federico Marchetti: «La mia motivazione è stata e sarà sempre sognare ed innovare per i nostri clienti».

«Oggi è un momento memorabile per Yoox Net-a-Porter Group» scrive Federico Marchetti su Facebook. «Richemont, già il nostro più grande azionista, ha deciso di fare un’offerta per acquisire tutte le azioni di YNAP, valorizzandola circa 5,3 miliardi di euro».

La holding svizzera del lusso, già principale azionista del gruppo, ha lanciato un’offerta pubblica di acquisto (OPA) sul 100% delle azioni a 38 euro per azione, per un totale di 2,7 miliardi di euro. L’operazione ha avuto subito una ripercussione positiva sul titolo, che stamattina ha registrato un +25%.

Marchetti, founder e Ceo di Yoox, ha precisato che la sede resterà in Italia. E ha aggiunto: «La prospettiva di non possedere più il mio 4% non cambia assolutamente il mio impegno imprenditoriale in YNAP. La mia motivazione è stata e sarà sempre sognare ed innovare per i nostri clienti. Essere io il mio primo cliente che aspetta a casa l’ordine con la gioia di un bambino».

Nel lungo post, Marchetti ha anche ripercorso le ultime tappe della sua impresa. «Ricordo il duro lavoro e l’emozione per la quotazione di Yoox nel 2009 (a 4 euro per azione, ndr), quando i nostri ricavi erano di circa 150 milioni. Era un mio grande sogno quello di creare qualcosa di ancora più grande. Questo si è concretizzato con l’unione di Yoox e Net-a-Porter nel 2015. Della fusione hanno beneficiato entrambe le aziende, creando il leader nel mondo del lusso online. Questa collaborazione tutta anglo-italiana ha portato il Gruppo a fatturare oltre 2 miliardi in un paio d’anni. Sono profondamente grato a tutte le persone che hanno reso possibile questa impresa senza precedenti».

«Partito da zero, senza una lira». Storia di Federico Marchetti

È una delle 100 personalità più influenti nel mondo digitale. Federico Marchetti, 49 anni, ha creato l’unico esempio italiano di unicorno italiano (startup valutata più di un miliardo di dollari). Partito in un magazzino, ha saputo unire due forze opposte, moda e Internet. E da zero ha creato l’e-commerce di fashion più potente del mondo. Yoox nel 2000 era una startup. Oggi (dopo la fusione con Net-A-Porter si chiama Yoox Net-A-Porter Group) è un colosso dell’e-commerce che fa ricavi per 1,8 miliardi di euro.

Figlio di un capo magazziniere della Fiat e di una telefonista della Sip, Marchetti ha fatto tutto da solo. Determinato, bravissimo a scuola, è sempre andato controcorrente. Dopo il liceo, tutti i suoi amici si iscrivono all’università a Bologna, lui va a Milano da solo. Sceglie la Bocconi. Da quel giorno, la sua vita sarà all’insegna dell’intraprendenza. «Quando ho varcato la porta dell’università non immaginavo che 10 anni dopo avrei vissuto una grandiosa avventura imprenditoriale» ha raccontato in un’intervista a Millionaire. «Ma fin dal bambino sapevo che volevo fare qualcosa di mio. Oggi la mia vita si è mescolata completamente al mio lavoro, al punto che una cosa è diventata l’altra. Per questo mi sento un privilegiato: tutte le mattine quando mi sveglio ringrazio il cielo di avere inventato Yoox. Perché vado al lavoro con il sorriso sulle labbra».

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.