Come gestire una rete vendita: intervista a Raffaele Di Nardo

23
12706

È partito quasi per caso: mentre preparava la laurea vendeva le sue prime cose presso una multinazionale. Poi la passione per la vendita e l’apertura di una sua società: la Juice Always on,  specializzata nella vendita porta a porta.

Dopo circa vent’anni Raffaele Di Nardo, 45 anni, imprenditore napoletano, gestisce una rete di 1.500 venditori sul territorio nazionale, lavora per marchi come Wind, Tim, Infostrada, Sky… fattura 27 milioni di euro l’anno. E soprattutto continua a formare e assumere personale.

Quali sono i fattori su cui hai puntato per il successo?

Dico sempre che non abbiamo in squadra i migliori venditori, ma siamo bravi a gestire, organizzare e motivare una rete vendita. Abbiamo sempre puntato sulla crescita dei dipendenti all’interno dell’azienda. Li assumiamo, diamo loro gli strumenti per gestire un gruppo di lavoro e, quando dimostrano di essere capaci, finanziamo l’apertura di un’agenzia».

Come si gestisce una rete vendita?

Formando continuamente le persone. Offriamo tecniche di motivazione e gestione, oltre a regole e principi da rispettare. Insegniamo i nostri venditori ad avere una buona attitudine, a gestire il cliente. E se sanno applicarle nel modo migliore sul campo li promuoviamo. Cose da non fare invece: 1) non essere corretti nel pagamento delle provvigioni, 2) non avere un’amministrazione funzionante, 3) non dare fiducia agli altri».

kevents_Juice_27-1

Come selezionate i vostri venditori?

Autocritica e capacità di superare i momenti negativi. Nel lavoro sul campo ciò che conta è come affronti i “no”, visto che sono maggiori dei “sì”. Assumiamo chi sa trarre aspetti positivi da ciò che è negativo. Ragionare sugli errori commessi e imparare a evitarli».

Quanto guadagnano?

Da un minimo di 1.300 euro mensili a 30/40mila nel caso di manager che gestiscono gruppi di 30/40 persone».

Siete alla ricerca di personale?

Sì. Chi vuole candidarsi può inviare il suo cv collegandosi al sito dell’azienda».

INFO: http://www.juiceitalia.it/

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email

23 Commenti

  1. Ma se 1500 venditori “producono” 27milioni di euro/anno vuol dire che ogni venditore fa +o- 20k € di fatturato all’anno in media ,quindi 1600€ al mese e se ne intascano 1300 , qualcuno arriva anche a 40mila …… qualche conto non torna

    • Valentino, la juice sviluppa circa 750 milioni di euro per le aziende mandanti, i 27 milioni sono le provvigioni erogate a fronte di tale produzione

  2. veramente questi 27 milioni li guadagnano truffando la gente a casa non so se avete visto il video delle iene in televisione poi per esperienza personale quando cercavo di migliorare personalmente nella vendita e nel rapporto con le persone ho lavorato per i loro uffici ti danno 2 o 3 pagine di materiale da
    leggere poi il 99% dei venditori loro parla e dice tutt’altro quando è in giro porta a porta quando ho lavorato nei loro uffici vendevamo contratto di elettricita si fingevano della stessa gestione elettrica del cliente dicendo che erano stati mandati per abbassare i costi invece gli cambiavano completamente la bolletta e quando lavori per i loro uffici segnati bene sempre i contratti che hai fatto perche quando ti devono pagare non pagano sempre tutti i contratti,tutto questo purtroppo la maggior parte dei loro uffici lo fa perche molti altri venditori venivano da altri uffici della juice magari per migliorare perche l’ufficio in cui lavoravano era nuovo appena aperto o andava um po meno di altri uffici in alto alla lista questi venditori anche loro truffavano le persone in giro quello che voglio dire e che qualche milione cosi riuscirei a farli anchio

      • Nooo xD Fanno anche il grido finale del Juice, e glielo dice pure alla iena che significa Juice! Veditelo di nuovo il video, fidati xD

      • raffaele, non dite cazzate anch’io ho lavorato per questa maledetta azienda juice e mi sono ritirato prima di fare il contratto essendo che ho fatto una prova con i vostri dipendenti e ho visto come lavoravano essendo che dovevo imparare il mestiere cioè fregare la gente soprattutto gli anziani….

  3. ciao stefano, purtoppo non e’ colpa di raffaele, anzi lui ci ha visto lungo e’ nella vita ci ha saputo fare, sono i manager che sono autonomi e mangiano piu’ del dovuto, io sto facendo una vendita diretta con guadagno a consumo e ti posso assicurare che l’ esperienza juice mi ha formato tanto, l’ unico ” consiglio” che posso fare e’ stare attenti ai manager che comandano l’ ufficio, a loro bisogna stare attenti!

  4. non so se sia della juice oppure no quella delle iene era per fare un esempio per il tipo di truffa, io ho lavorato per la juice e i loro venditori non erano onesti non mi serve scrivere troppo, quando lavoravo io lavoravamo con la GDF SUEZ e con le mie orecchie sentivo quello che dicevano i loro venditori alle persone che visitavano, guardate su internet quello che dicono della GDF SUEZ e guardate quello che dicono degli uffici della juice

  5. ci si risparmiassero almeno le manfrine dato che i comportamenti ben poco etici di molti degli incaricati alle vendite di tale societa’ (gruppo rad penso che dica qualcosa a molti) sono oramai ben noti ai piu’ e di commerciale non hanno proprio niente…

  6. Da come è scritto l’articolo non mi sembra di aver interpretato male :”Dopo circa vent’anni Raffaele Di Nardo, 45 anni, imprenditore napoletano, gestisce una rete di 1.500 venditori sul territorio nazionale, lavora per marchi come Wind, Tim, Infostrada, Sky… fattura 27 milioni di euro l’anno.
    Se ho frainteso ben venga, chiedo venia e auguro di raddoppiare presto il “fatturato”.

  7. Salve,
    probabilmente il fattop che faccia 27 milioni di fatturato è vero…ma perchè?perchè un semplice dipendente non guadagna mica 1.300 euro?!e ve lo duico per esperienza.L’estate scorsa vidi un annuncio su internet:per prossima apertura centro scommesse ricerchiamo figura per varie mansioni.Chiamo e mi fissano un colloquio.Arrivo in questo ufficio piccolo ma carino.Dopo 5 minuti di attesa inizia il colloquio con la titolare,già lei una figura molto strana per essere “il capo”,molto grezza(parlava un siciliano strettissimo),mi ripeteva continuamente che questo era un lavoro Full time (FULL TEIM diceva lei),quando in realtà lei non mi aveva nemmeno spiegatp di che lavoro si trattava.Mi disse solo che i “suoi ragazzi” erano persone sveglie,dinamiche,che lavorano per varie aziende(quando poi non mi disse nemmeno il nome “della sua azienda” e poi mi fece un esempio:qualche mese fa’ abbiamo lavorato per MC donalds e i nostri ragazzi avevano l’incarico di portare i buoni pasto ai dipendenti di Mc Donalds.Questo è davvero.Io ammonivo solo,ero confusissima ma non feci domande perchè quella donna non so perchè mi metteva una paura tremenda addosso e poi mi disse che le ero piaciuta e che domani mattina avrei fatto un giorno di prova (alle 8 in punto dovevo essere non dentro l’ufficio ma fuori l’ufficio)la sera una sorta di esamino e poi se l’avessi superato mi avrebbe subito assunta(però a partire da settembre perchè il colloquio l’ho fatto a luglio)e mi avrebbe parlato del mio stipendio e del contratto ecc…il giorno dopo arrivo puntuale e mi accoglie una massa di ventenni e qualcuno più anziano,ognuno con una cartella sotto il braccio,i maschi tutti vestiti con giacca e cravatta orribili e qualcuno con i mocassini,mentre le donne con pantaloni neri troppo stretti e camicietta dalla quale si intravedevano già le prime macchie di sudore.Beh lì capii di cosa si trattava.Comunque..arrivo lì e subito mi viene presentata la mia “tutor” cioè la ragazza che mi avrebbe mostrato il “lavoro” e che poi avrebbe espresso giudizi su di me e quindi in parte avrebbe deciso se assumermi o meno (e l’idea di farmi giudicare da una persona che non parlava nemmeno una parola di italiano nemmeno con i clienti e masticava gomme a bocca aperta mi urtava un bel po’).Alla fine andiamo in un paesino vicino alla mia città.Ci andiamo con la macchina di un altro “collega”.(e anche qui non so se le speseper la benzina che secondome erano comunque 10 euro gli siano state rimborsate).Facciamo 20 minuti di pausa pranzo e tprniamo alle 7 di sera,dopo aver chiuso tipo 2 3 contratti,tra l’altro sotto la pioggia e correndo come dei matti pscicopatici e dopo aver ripetuto 100000 volte:salve siamo della enel…
    Alla fine scopro però che quello che per me era una corsa da pazzi per i miei tutor era una “corsa al successo”,che facevano questo lavoro perchè guadagnavano bene,li preparava a diventare addirittura manager, e che il successo del loro lavoro è basato su statistiche.La sera faccio subito il test,mentre nella stanza accanto c’è musica da discoteca a volume 100(dopo mi dicono che lo fanno per dare la carica e perchè stavano festeggiando il miglior venditore del mese).Supero il test ma la titolare non mi parla ne deloo stipendio ne del ocntratto,mi dice solo che devo venire domanio puntuale però vestita con pantalone e camicia e che mi dovevo togliere i miei orecchini troppo appariscienti.Torno la mattina e scopro all’ultimo minuto che dovevamo prendere un pulman per spostarci e quindi viaggio in nero perchè se avessi comprato il biglietto avrei perso il pulman.Stiamo tutto il gioprno sotto il sole,10 minuti di pausa e non chiudiamo nessun contratto e in più i “possibili clienti” ci mandano “a quel paese”in tutti i modi,trattandosi poi di quartieri popolari.la sera poi scopro che in realtà avevo già iniziato a lavorare mentre io credevo che si trattasse ancora di un giorno di prova.Torno la mattina seguente spiegando che non avrei potuto continuare a lavorare anche perchè mi era stato detto che avrei iniziato a lavorare a settembre.Il bello è che avevop anche chiuso tre contratti,che hanno fatto guadagnare all’azienda mentre a me 0.Morale della favola:questa azienda per avere nuovi “venditori” mette falsi annunci su internet,dice cos4e false,fa false promesse,sono persone cafoni con 0 cultura,avidi di soldi e bugiardi,Se vedete un loro annuncio non ci andate mia!a men che non voglete farvi umiliare da persone con cultura professionalità ed educazione 0!

    • Ciao Charlotte…capisco la tua situazione in quanto anche a me è successa la stessa cosa..solo che io…tornata in ufficio alle 19.00, non ho proprio voluto farlo il test…perché con me sono stati bugiardi da subito…innanzitutto con l’annuncio per “addetto alle vendite (parlando con altro ragazzi c’erano anche annunci per addetto allo smistamento ecc) e poi con la falsa illusione che di tre candidati gli piacerebbe vedere me quando poi il giorno del “giro del mondo” c’eravamo tutti e tre di quel giorno di colloqui..ed eravamo anche molti di più..an dimenticato…dopo avergli chiesto…si tratta di fare la rappresentante? La risposta è stata…no, lavoriamo per conto di terzi con clienti già nostri…con noi siamo andati un po fuori dal paese dell’ufficio e hanno spiegato il lavoro sempre raggirandomelo come solo loro sanno fare..arrivati nel paese prescelto per aiutare dei colleghi di un altro ufficio, dal bagagliaio le ragazze con le quali viaggiavo prendono le cartellette…li inizio a capire ma dico a me stessa…non faremo tutto il paesino…solo i loro clienti..dopo aver camminato 4 ore mi è stato detto di sorridere di più..ma io non ce la facevo perche di mio non faccio entrare quelle persone a casa figurati se l’avrei mai fatto io..e poi ciò che dicevano mi sembravano grandi cavolate..e anch’essi cambiavano contratti..dopo aver girato tutto un paese porta per porta..la mia tutor ha concluso solo due contratti…parlava con le altre due ragazze di aver fatto campana e usava altri termini…quando ho chiesto cosa significavano mi hanno risposto che sono termini che usano loro senza volermi specificare…dico alle persone che come me cercano lavoro onesto di stare attenti a questi annunci…perche se imbrogliano noi figuriamoci i “loro clienti”. E io di fare un lavoro disonesto nemmeno per i milioni. Ciao.

  8. Vedo con piacere che la signorina Charlotte qua sopra ha azzeccato perfettamente il modus operandi…i numeri in una rete vendita si fanno in due modi..la piu’ difficile ma che alla lunga permette il successo dell’ azienda e’ con pochi e molto ben preparati (e remunerati di conseguenza) venditori oppure,come succede la maggior parte delle volte con centinaia e centinaia di disperati mandati a mo di carne da macello ad affrontare il mercato senza ne arte ne parte ma solamente giocando sulla legge dei grandi numeri. Se vogliamo valutare una rete vendita piu’ che il fatturato globale andiamo a valutare il giro di affari medio annuo di ogni addetto alle vendite…

  9. tutto quello che dite voi e’ vero, ed ho gia’ spiegato qui sopra come la penso, io ci ho lavorato ed ho guadagnando anche bene, e’ marketing la vendita diretta e a me piace anche, pero’ e’ pure vero che tanta gente non ha voglia di lavorare e scappa alle prime difficolta’, io me ne sono andato per altri motivi, e stavo facendo anche bene, poi ci lamentiamo che c’e’ la crisi e tante altre storie!!!!
    tanta gente dovrebbe sparlare di meno e fare di piu’!

  10. Mai lette così tante cavolate tutte insieme! Io lavoro x Juice da un po, è probabilmente guadagno più di due o tre di voi messi insieme, ma apparte questo come mai tutti i contratti che faccio me li pagano? Vi và di confrontarvi con me in un qualsiasi test di cultura generale e vediamo chi è l’ ignorante? Oppure vediamo chi di voi lavora e quanti di voi non hanno un euro in tasca? Beh fatevi due domande allo specchio e rispondetevi da soli…. Juice

    • @ Alessio Cià: Si, guadagnerai anche 3000 euro al mese, ma ne spendi 2500 in benzina, 450 in scarpe per camminare tra un azienda e l’altra a rompere le balle alla gente proponendo offerte di dubbia convenienza. In queste reti guadagni solo quando trovi in seguito qualche ragazzetto disperato che va al posto tuo a rompere le balle alla gente per una miseria.

  11. BE’ CHE DIRE?? PURTROPPO COME HO LETTO PRIMA DA ALCUNI COLLEGHI MOLTI DI VOI PARLANO A VANVERA.
    BE AVETE PIENAMENTE RAGIONE #JuiceNELcuore#

    IL MI PENSIERO E’ CHE MOLTI DI VOI, CHE COMMENTANO SENZA SAPERE E CONOSCERE A PIENO L’AZIENDA, SONO LE CLASSICHE PERSONE CHE CERCANO LAVORO DA ANNI E NON SAPENDO CHE FARE DURANTE IL GIORNO, CREDENDO CHE IL LAVORO GLI BUSSI ALLA PORTA, NON FANNO ALTRO CHE POGGIARE LE MANI SU QUELLE TASTIERE E SCRIVERE UNA MAREA DI PAROLE FUTILI E SENZA SENSO.

    DETTO QUESTO, SICURAMENTE SE CI METTIAMO A CONFRONTO QUELLI CHE LAVORANO IN JUICE QUI SOPRA CITATI NEI COMMETI E QUELLI CHE COMMENTANO A PIACIMENTO, SICURAMENTE NOI JUICE ABBIAMO VINTO LA NOSTRA BATTAGLIA, NOI CI ABBIAMO PROVATO E NON ABBIAMO GIUDICATO PRIMA DI DIRE “NO”.

    PAROLA DI UN’ASSIST, I RISULTATI SI POSSONO OTTENERE.

  12. E DIMENTICAVO RINGRAZIERO’ SEMPRE IL MIO MANAGER PER L’OPPORTUNITA’ E RAFFAELE CHE CON IL SUDORE E TANTA FATICA SI E’ CREATO LA SUA AZIENDA E DA VENT’ANNI AD OGGI E’ SEMPRE IN CRESCITA.
    JUICE

    • Mamma mia ragazzi ma vi sentite???
      Parlate di quest’azienda come se fosse l’unica realtà…. vi hanno plagiati !! Il meccanismo è questo : si lavora 12 ore al giorno per pochi spiccioli ( anche fossero 1500 euro mese sarebbero pochi rispetto al tipo di lavoro svolto!!!)anche perchè spostamenti e quant’altro sono a carico del dipendente, quindi ne rimangono ben pochi.Step successivo:per comodità e pensando di risparmiare si va a vivere in una delle foresterie messe a disposizione dall’azienda (che naturalmente non è gratis) insieme ai colleghi. Risultato: tagli i ponti con tutti e con tutto perchè la tua vita diventa il tuo lavoro e i tuoi familiari sono i tuoi colleghi….e questa la chiamate opportunità. Ma scherziamo??
      Per non parlare dell’inquadramento : ti aprono partita iva e ti arrangi.. ossia contributi, ferie, malattia sono cavoli tuoi;
      e andrebbe anche bene se la retribuzione te lo permettesse!
      Risultato? ti ritrovi in un limbo dove pensi che tutto questo sia tipo famiglia del Mulino Bianco ma in realtà non hai più una vita. Il lavoro è dignità !! deve darti la possibilità di essere indipendente. Siete persone non robot ,svegliatevi!!!!!!!!!!!!! scusate lo sfogo ma conosco una persona che è stata plagiata da questo sistema

      • Ma leggo solo commenti tipo: trope ore di lavoro, non ti danno il fisso, bisogna spostarsi nel paese vicino con i mezzi…. ma vi rendete conto di come sta andando il paese con gente che non riesce a fare la spesa e ad arrivare a fine mese? Probabilmente molti di voi dicono queste frasi ma non si sono mai trovate nella situazione di dover chiedere veramente un euro e 50 per poter prendere un panino quindi svegliatevi io lavoro da 2 anni alla juice e come in tutte le aziende del mondo ci sono sempre i disonesti partiamo dallo stato italiano e dalle banche… ma sicuramente anche da noi c’è gente che cerca di fregare ma vi assicuro che alla juice chi fa una truffa o tenta di farla viene beccato in 48 ore e non avete idea di cosa succede ps. Io ho famiglia non frego nessuno non negozi che sia dura ma quando troverete un LAVORO dove vi danno 2000 euro al mese macchina aziendale telefono aziendale e vi dicono se sei stanco fermati non sudare… chiamatemi che arrivo pure io.. Senza offendere e mancare di rispetto a nessuno ma tutti i giorni vengono ragazzi a fare la prova da noi ma fino a quando pensate di ricevere soldi senza fare un cazzo e con zero voglia vi dico solo una cosa AUGURI!!! grazie juice!!!!

  13. Catissimi lettori che state leggendo l articolo e commentando, non voglio esprimere giudizi su questa azienda perche’ non ci ho mai lavorato, ho letto qui molte esperienze negative sul lavoro del porta a porta; ebbene faccio porta a porta da ben 4 anni, lo faccio per una societa’ seria e ho aperto un ufficio, guadagno personalmente 2500 euro al mese suonando campanelli e senza truffare nemmeno uno dei clienti che incontro anche perche lascio le mie credenziali e non sono mai stata coinvolta in cause o cose del genere, tutto questo per dirvi che il porta a porta si puo fare in maniera onesta e profiqua basta cercare l azienda giusta, e vero non e un lavoro da tutti ma posso assicurarvi che funziona e fa guadagnare parecchio se volete saperne di piu:
    Gnservicedigiannetto@gmail.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.