A Roma arriva il bike sharing di Uber

0
1032
bike sharing
Foto Uber Jump

Non solo noleggio con conducente, food delivery, servizi cargo e taxi volanti. La piattaforma della sharing mobility Uber punta anche sulle biciclette elettriche, da oltre un anno. Nel 2018 ha acquistato la società newyorkese Jump Bikes per una cifra di circa 200 milioni di dollari. E stavolta il servizio sarà disponibile anche in Italia. Si parte dalla Capitale, dove oggi l’azienda, insieme alla sindaca di Roma Virginia Raggi, ha annunciato l’arrivo di 2800 bici in condivisione. Le prime 700 sono disponibili da subito, le altre arriveranno “in poche settimane”.

Uber Jump coprirà un’area di circa 57 km quadrati, il centro storico e altri quattro quartieri di Roma (Eur, Coppedè, Monteverde Nuovo e Fleming). “Ci proponiamo di fornire un servizio ai cittadini che cercano un’alternativa al proprio mezzo di trasporto o che non ne possiedono uno. Il nostro obiettivo è quello di essere un partner di lungo periodo per Roma e l’Italia, sia a livello nazionale che locale” ha spiegato Michele Biggi, general manager di Jump per il Sud-Est Europa. La mission a lungo termine: “Costruire città più smart”.

Il servizio è già attivo in nove città europee, oltre che negli Stati Uniti. Funziona grazie a un’app, che permette all’utente di trovare la bici più vicina, sbloccare il lucchetto con un pin e pagare con la propria carta di credito già registrata. Costi? 50 centesimi per lo sblocco della bici, 20 centesimi per ogni minuto di pedalata.

Le biciclette sono elettriche a pedalata assistista, rosse, in alluminio, con GPS, display e vano per lo smartphone. Un lucchetto in dotazione permette di parcheggiarla nelle rastrelliere pubbliche (ma solo nelle aree consentite, indicate da Uber).

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.