Blue Monday, come reagire al giorno più triste dell’anno

0
1170

Le giornate sono corte e fredde, inizia una nuova settimana di lavoro, le vacanze, tra il Natale ormai passato (e i sensi di colpa per abbuffate e soldi spesi) e la Pasqua ad aprile, sono lontane. In più, a pesare sull’umore, c’è spesso una sensazione di inadeguatezza sui buoni propositi per il 2019. Così non è difficile credere che nel mese di gennaio cada il giorno più triste dell’anno. E, nonostante il Blue Monday non abbia alcun fondamento scientifico, da anni in tutto il mondo si parla del cosiddetto “lunedì triste” e delle strategie per affrontarlo.

Come superare il Blue Monday

Per esempio, la master coach Marina Osnaghi, suggerisce di pensare a cose positive, trovare dei momenti nella giornata per rilassarsi e fare attività fisica, fermarsi per la pausa pranzo e pensare al weekend come la prossima occasione per staccare del tutto la spina. La psicoterapeuta Federica Casale, della piattaforma MioDottore, consiglia di iniziare la giornata in modo rilassato, chiacchierare con altri per sentirsi meno soli, controllare la respirazione, ritornare alla routine in modo soft, senza riempirsi di impegni, e ritagliarsi dei momenti di relax in tutto il corso della giornata.

L’individuazione del Blue Monday è attribuita allo psicologo inglese Cliff Arnall, dell’università di Cardiff, che nel 2005 elaborò un calcolo basato su una serie di elementi che contribuiscono a rendere il terzo lunedì del mese il momento più deprimente dell’anno. In seguito, l’università prese le distanza dalla ricerca “pseudoscientifica”. E il Blue Monday è stato ricondotto piuttosto alla trovata pubblicitaria di un’agenzia di marketing inglese che spingeva i consumatori a prenotare una vacanza per superare la tristezza. Insomma un modo originale per convincere agli acquisti.

10 chiavi per una vita più felice (infografica)

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.