Il dispositivo made in Italy per l’elettrocardiogramma tra i vincitori del Compasso d’Oro 2020

0
1260
d-heart elettrocardiogramma

Poco più che ventenni, due studenti italiani nel 2015 (ancor prima degli ingegneri Apple) hanno pensato di rendere l’elettrocardiogramma alla portata di tutti. Con un dispositivo facile da utilizzare e al tempo stesso affidabile. Così hanno creato D-Heart che, abbinato a un’app, permette a chiunque di effettuare un Ecg in autonomia, inviare il tracciato a un medico e monitorare lo stato di salute del proprio cuore. Da allora, Nicolò Briante e Niccolò Maurizi, oggi 27 e 28 anni, hanno collezionato un successo dopo l’altro. Fino al prestigioso Compasso d’Oro, gli “Oscar del design” assegnati dall’Associazione per il disegno industriale. D-Heart è tra i 18 vincitori del 2020.

«Siamo molto orgogliosi. È un grande riconoscimento per il nostro duro lavoro in questi anni» commentano i due giovani soci. App, dispositivo e packaging sono stati realizzati con Design Group Italia, uno studio di design con sede a Milano e uffici a New York, San Francisco e Reykjavik.

Quello che ha convinto la giuria è «la tecnologia medica resa familiare e trasposta nella vita quotidiana». Il dispositivo, in vendita in 32 Paesi di 4 continenti, consente ai pazienti cardiopatici cronici di essere seguiti a distanza. Un plus nell’anno del Covid, che ha reso sempre più indispensabili i servizi di telemedicina e ne ha accelerato lo sviluppo. Con D-Heart, i pazienti possono eseguire l’Ecg senza andare in ospedale, quindi limitando i rischi di contagio. Tramite l’app si può registrare un elettrocardiogramma a 8 derivazioni (da parte del paziente) o a 12 (da parte di un operatore sanitario).

«Io e Niccolò eravamo vicini di stanza all’Almo Collegio Borromeo di Pavia» aveva raccontato Briante, laurea in Giurisprudenza e passione innata per l’impresa, in un’intervista a Millionaire. «Un infarto a 16 anni gli ha cambiato la vita. Ha dovuto rinunciare al sogno di diventare un nuotatore, ma ha trasformato la sua cicatrice in un’opportunità. Oggi è un medico, ricercatore in cardiologia dell’Università di Firenze». Qui la storia completa.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.