fbpx
nutribees

Exit per NutriBees, la startup dei piatti sani e personalizzati a domicilio: «Continueremo a farla crescere. Poi ci lanceremo in una nuova avventura»

«Quando si fa startup, a volte si punta solo a raccogliere soldi round dopo round, dimenticando che prima o poi i numeri devono tornare. La nostra idea è stata fin da subito quella di creare un business sostenibile, senza fare affidamento solo sugli investimenti». Così nel 2017 Giovanni Menozzi e Mario Villani hanno avviato NutriBees, un servizio di food delivery che consegna piatti pronti, sani e personalizzati secondo le esigenze nutrizionali dei clienti. L’utente compila un test online, si abbona e riceve un nuovo menu a casa (o in ufficio) ogni settimana. La startup è stata appena acquisita dalla società di investimenti Mega Holding e dall’imprenditore Federico Isenburg, founder di Easy Welfare.

«Non possiamo rivelare la cifra, ma siamo molto soddisfatti» dicono i due co-founder annunciando l’exit. «Fino a metà 2022 resteremo in NutriBees, poi saremo pronti a lanciarci in una nuova avventura».

Com’è nata l’idea? «Volevamo portare in Italia un modello scalabile di food delivery che permettesse a chiunque (anche nelle piccole città) di mangiare più facilmente in maniera sana. Ci siamo ispirati a Freshly, startup statunitense acquisita di recente da Nestlé» racconta Giovanni, 32 anni, laurea in Bocconi ed esperienze in Boston Consulting e Rocket Internet.

«Siamo partiti da zero, con capitali nostri. Anno dopo anno siamo riusciti a duplicare o triplicare il fatturato. Un investimento corporate ci ha permesso di accelerare la crescita». Oggi NutriBees consegna 10mila piatti a settimana, in tutta Italia, a clienti privati e aziende che usano il servizio per la pausa pranzo dei dipendenti. Punta a chiudere il 2021 con un fatturato di 3 milioni di euro.

nutribees team
Da sinistra: Davide Accini, Mario Villani, Giovanni Menozzi, Federico Isenburg

Già a fine luglio Isenburg e Mega Holding hanno guidato un aumento di capitale di oltre 1 milione, a cui hanno partecipato anche altri investitori, come Matteo De Brabant di Jakala Group, Carlo Gualandri di Soldo e Davide Accini, oggi Coo di NutriBees. «Il modello è piaciuto perché è al passo con i tempi sui temi dell’alimentazione sana e dello smart working e per le metriche sostenibili».

Fare startup in Italia? «Si può, anche se non è facile. Bisogna essere davvero motivati e appassionati e, prima di lanciarsi in questo mondo, è meglio fare un po’ di esperienza in azienda».

Torino: l’incubatore delle startup

Come fare parte di OGR Tech e accedere ai programmi di accelerazione accanto ai giganti dell’innovazione   Un edificio industriale dismesso, una fondazione che ha

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

FrabricNano e la plastica del futuro

La startup londinese punta su un prodotto senza l’utilizzo del petrolio   Come viene prodotta la plastica? E perché è così inquinante? Fino ad oggi,

La nuova generazione delle turbine eoliche

La start-up svedese Modvion ha sviluppato un sistema per costruire torri turbina utilizzando sezioni di legno lamellare.   Tradizionalmente, le turbine eoliche sono state realizzate

Apis Partners investe nel soonicorn Money View

Con il supporto dell’ ‘italiana’ Apis Partners, la fintech indiana punta al raggiungimento dello status di unicorno   Apis Partners, private equity, con sede a

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.