Google sorpassa Amazon: è il brand più influente in Italia. La classifica 2019

2724
google alphabet
Foto Google

Torna la classifica dei Most Influential Brands, stilata da Ipsos, secondo un’indagine su un campione di 4550 italiani. I marchi più in grado di influenzare le nostre vite restano Google, Amazon e Whatsapp. Ma, rispetto allo scorso anno, nel 2019 il motore di ricerca ha sorpassato l’e-commerce di Jeff Bezos, arrivando in cima al podio. Seguono nella top ten: PayPal, Microsoft, YouTube, Samsung, Facebook, Mulino Bianco e Visa.

Come nel 2018, sono le multinazionali e i big tech a dominare la classifica. Facebook scende dal quinto all’ottavo posto. Ikea perde tre posizioni, uscendo dalla top 10 (nel 2018 era decima). Mulino Bianco ne guadagna 10, arrivando in nona posizione: è il marchio italiano più alto in classifica, l’unico tra i primi 10 brand. Tra gli italiani vince ancora il food. Dopo Mulino Bianco, nelle prime 20 posizioni, si trovano anche Nutella, Grana Padano, Parmigiano Reggiano e Kinder.

Analizzando i marchi in base alle fasce d’età, Instagram risulta al quarto posto per la Generazione Z (15- 21 anni), ma non appare nelle altre top 10. Netflix è in decima posizone per la Generazione Z e sesta per i Millennial (22-35 anni). Tra i marchi più trasversali per età c’è Nutella: al sesto posto per i giovanissimi, al nono per i Millennial e al decimo per i Boomers (53-71 anni).

Affidabilità, innovazione e impegno sociale

I fattori presi in considerazione per determinare l’influenza di un brand sono cinque: affidabilità, coinvolgimento, innovazione, presenza, impegno e ruolo sociale. Un tema su cui si è concentrata quest’anno la ricerca è la responsabilità sociale di impresa. Il 60% degli italiani intervistati dichiara il bisogno di aziende che svolgano un ruolo attivo in ambito sociale, culturale e politico. Il 79% crede che sia possibile per una marca sostenere una buona causa e guadagnare allo stesso tempo.

“Per le marche è arrivato il tempo di agire. È il momento che si assumano la responsabilità di essere a tutti gli effetti attori e interlocutori sociali, culturali e politici. Emerge l’opportunità, la legittimazione e in un certo senso il dovere, di esporsi, di prendere posizione, di raccontare il proprio credo e i loro valori e di agire concretamente per lo sviluppo culturale e sociale della comunità” ha spiegato Andrea Fagnoni, Chief Client Officer di Ipsos.

Ecco la Top 10 MIB 2019:

1. Google
2. Amazon
3. Whatsapp
4. PayPal
5. Microsoft
6. YouTube
7. Samsung
8. Facebook
9. Mulino Bianco
10. Visa

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.