I miliardari del mondo sono sempre più ricchi, anche con la pandemia

5307
tesla musk miliardari
Foto Flickr OnInnovation

Nonostante l’incertezza economica portata dalla pandemia, aumenta il numero dei miliardari nel mondo e cresce la concentrazione della ricchezza nelle tasche di poche persone. Il patrimonio dei “Paperoni” del pianeta è aumentato di oltre un quarto durante la pandemia. Lo rivela il rapporto annuale della banca svizzera Ubs con la società di consulenza PwC.

Coronavirus e lockdown non hanno intaccato i grandi patrimoni. C’è stata una flessione, sì, ma seguita da un ampio rimbalzo negli ultimi mesi. I miliardari oggi sono 2.189 contro i 2.158 del 2017. La loro ricchezza globale cresce: a fine 2017 era di 8.900 miliardi di dollari, oggi è di 10.200 miliardi di dollari, con un +27,5% tra aprile e luglio 2020. Una cifra così alta non era mai stata raggiunta. In Italia i super ricchi sono 40 (4 in più rispetto al report precedente) con un patrimonio complessivo di 165 miliardi.

Dati in controtendenza rispetto a quelli che riguardano i non miliardari: secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro, con la pandemia si sono persi 3500 miliardi di dollari di redditi da lavoro nei primi nove mesi del 2020. Un calo globale del 10,7% rispetto allo stesso periodo del 2019 (dati COVID-19 and the world of work).

Tornando al rapporto di Ubs, i settori vincenti risultano tecnologia e salute. Seguono industria, real estate e beni di largo consumo. Innovatori e disruptor, con i loro prodotti e servizi in grado di cambiare scenari e consumi, sono quelli che si arricchiscono di più. Dal 2018 la ricchezza nel settore tech è salita del 42,5%, tra gli innovatori del 17%, mentre per gli altri l’aumento è stato “solo” del 6%. “La tempesta del Covid-19 ha accelerato la divergenza” tra imprenditori innovativi e tradizionali.

Lo studio non si sofferma sui singoli casi, anche se basta consultare le classifiche dei più ricchi per scoprirne subito i nomi: Jeff Bezos, Bernard Arnault, Bill Gates, Mark Zuckerberg. Tra gli innovatori in rapida ascesa, Ubs cita invece Elon Musk, pionere nei mercati delle auto elettriche e dei viaggi spaziali con Tesla e SpaceX, Frank Wang di DJI, il più grande produttore al mondo di droni commerciali, e il giovane Patrick Collison, co-founder di Stripe insieme al fratello John.

Anche le donazioni sono state da record negli ultimi mesi. Tra marzo e giugno 209 miliardari hanno donato un totale di 7,2 miliardi di dollari. E la cifra riguarda solo le iniziative che sono state rese pubbliche, quella effettiva dovrebbe essere più elevata.

Il ritratto dei miliardari italiani

I 40 “Paperoni” italiani sono per il 49% “self made”. Nel 2019 la loro ricchezza era diminuita del 12%, a 125,6 miliardi di dollari. Dopo il lockdown è tornata ad aumentare, a 165 miliardi di dollari, con un +31% tra aprile e luglio 2020.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.