«Il modo di viaggiare è cambiato per sempre». Così Airbnb si rinnova

753
airbnb viaggi
Foto Airbnb

«Il modo di viaggiare delle persone è cambiato per sempre». Così Brian Chesky, Ceo e co-founder di Airbnb ha annunciato le ultime novità della piattaforma. «Il più grande cambiamento di questo decennio» lo ha definito. Per rispondere alle esigenze del post pandemia, di viaggiatori e nuovi nomadi digitali, l’azienda ha innovato l’organizzazione del lavoro per i suoi dipendenti e ora aggiorna la piattaforma per gli utenti.

airbnb viaggiare«In primo luogo, le persone sono più flessibili su dove vivono e lavorano, quindi abbiamo progettato una nuova modalità di ricerca attraverso le Categorie Airbnb» spiega Chesky. L’idea è di permettere di visualizzare mete e alloggi più insoliti rispetto a quelli indicati dalle chiavi di ricerca classiche. Per facilitare il turismo e far conoscere luoghi meno frequentati.

Oltre a cercare località e data, gli utenti ora hanno a disposizione 56 categorie di alloggi organizzate in base a design, posizione o attività. Si va dai camper ai mulini a vento, dalle sistemazioni al lago a quelle nel deserto, dal camping al surf.

«In secondo luogo, le persone fanno viaggi più lunghi, quindi abbiamo creato i Soggiorni Collegati per offrire più opzioni e dividere il viaggio tra due case» prosegue Chesky. Questa nuova funzionalità consente di selezionare alloggi diversi per dividere lo stesso viaggio in due tranche e vivere così esperienze differenti.

«Terzo, stiamo introducendo AirCover per gli ospiti, garantendo la sicurezza di prenotare in tranquillità» conclude il Ceo di Airbnb, annunciando un’assicurazione più completa per i viaggi, sempre inclusa e gratuita per ogni soggiorno.

Live and Work Anywhere

brian cheskyLo scorso aprile Airbnb ha introdotto novità anche in azienda. I suoi dipendenti possono scegliere liberamente se lavorare da casa o in ufficio. Possono trasferirsi in qualsiasi città, che sia San Francisco o Nashville, mantenendo lo stesso stipendio. E vivere all’estero fino a 90 giorni all’anno. Un modello più flessibile, pensato anche per assumere e trattenere i talenti. «Perché i talenti vivono ovunque, non concentrati attorno ai nostri uffici» aveva detto Chesky.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.