La tua identità professionale viene riconosciuta da Millionaire!

1948
Cover

Educazione, ispirazione, successo. Le 3 parole che contraddistinguono il nuovo numero di Millionaire. Un numero incentrato sull’identità professionale, da costruire attraverso la formazione e definire seguendo l’ispirazione e gli esempi di imprenditori che raggiungono il successo

La fine dell’estate è sempre un momento cruciale sotto tanti aspetti: voglia e slancio per ricominciare dopo un periodo di vacanza, voglia di rimettersi in gioco, voglia di farsi trovare preparati per un mercato del lavoro sempre più cangiante e che si rinnova costantemente.

È proprio qui che entra in gioco il tema chiave di questo numero di settembre di Millionaire che trovate in edicola, ovvero l’identità professionale, indissolubilmente legata alla formazione.

Un binomio che ci ricorda come sia importante la valorizzazione personale, che passa attraverso la formazione, e imprenditoriale, che infine sfocia nell’identità professionale. Una connessione che in questo numero abbiamo sviluppato in varie direzioni e sfumature.

Lo abbiamo fatto partendo da una cover story che tratta la tematica delle professioni più ricercate del momento, le professioni del futuro. Tanti i settori coinvolti, dal fintech al coding al coaching. Spieghiamo come formarsi per “farsi trovare” al posto giusto nel momento giusto e delle opportunità delle aziende di offrire corsi in linea con le esigenze del mercato.

 

Rivista

 

Un percorso, quello del nostro nuovo numero, che si snoda attraverso alcuni esempi virtuosi dell’imprenditoria. Siamo partiti dai meno “sospettabili”, come il comico romagnolo di Zelig Paolo Cevoli, che si è rivelato un’autentica sorpresa in tal senso.

Sicuramente meno sospettabile in ambito formativo è Antonella Polimeni, rettrice de La Sapienza di Roma, ateneo più grande d’Europa, che ci ha rivelato tante strategie e consigli utili per i giovani.

Abbiamo poi messo in risalto, come ci piace spesso fare, i giovani talenti di casa nostra. Raccontandoci le loro belle storie trasmettono il messaggio che con capacità, coraggio e determinazione nessun obiettivo è precluso.

Alcuni sono riusciti ad avere successo sia in Italia, come il trio di Legolize o l’imprenditrice Giulia Detomati, altri hanno fatto centro oltreconfine, come Andrea De Gottardo, il brillante Ad di Kroo, una delle 5 banche del Regno Unito ad aver ricevuto la full banking licence. Per dimostrare che la costanza, se unita a un’adeguata preparazione, quasi sempre paga.

Sempre restando nell’ambito dei giovani imprenditori che hanno successo all’estero, un corposo reportage da San Francisco ci ha fatto conoscere meglio quali sono gli innovation manager italiani di spicco in Silicon Valley: dal pianeta Microsoft con Millo Ognissanti, a Damiàn Scavo, Gabriele Sorrento e Francesca Cavanna.

Storie molto diverse tra loro, con aneddoti e curiosità, tutte accomunate da un minimo comune denominatore: l’inarrestabile voglia di farcela.

Non solo farcela, ma anche mantenersi ad altissimi livelli è possibile, come dimostrano le eccellenze famigliari italiane come Santini, nell’ambito del ciclismo, e famiglie storiche come Moretti e Antinori, che riscoprono il valore della terra attraverso prodotti di qualità legando vino, cantine e architettura.

Un numero ricchissimo, da leggere tutto d’un fiato, per trovare piacere e ispirazione!

Ragazza CoverProfessione Millionaire

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteNomadi digitali: trend passeggero o rivoluzione storica?
Prossimo articoloSolo il 36% degli italiani userebbe un’App quando si tratta di istituti finanziari