L’imprenditrice delle caramelle Fisherman’s Friend lascia 41 milioni di sterline in beneficenza

3088
fisherman's friend
La sede di Fisherman's Friend a Fleetwood - Foto di Joehawkins da Wikimedia Commons

Doreen Lofthouse, imprenditrice, filantropa e titolare della storica azienda di caramelle Fisherman’s Friend, scomparsa lo scorso marzo, a 91 anni, ha deciso di lasciare quasi tutto il suo patrimonio (milionario) in beneficenza. Nessun lascito in denaro al figlio Duncan, che resta alla guida dell’azienda di famiglia. La notizia ha fatto subito il giro del web, anche Oltremanica. Eppure Doreen Lofthouse non è l’unica milionaria ad aver escluso la prole dalle ultime volontà.

Come riportano i media britannici, il testamento prevede che 325mila sterline siano divise tra giardinieri, domestici e assistenti della donna. I gioielli restano in eredità alla nuora Linda. E il resto, oltre 41 milioni di sterline, è destinato alla Lofthouse Foundation, l’ente con cui da anni Doreen finanziava progetti benefici per la sua città, Fleetwood. È qui, nel piccolo centro portuale del Lancashire, in Inghilterra, che l’azienda di caramelle è stata avviata nel 1865. Il farmacista James Lofthouse creò uno sciroppo per il mal di gola con un mix di liquirizia, eucalipto e mentolo, pensato per i pescatori del mare del Nord. Poi condensò il liquido in caramelle.

caramelle fisherman's friend
Foto di James Tamim da Wikimedia Commons

È stata Doreen però a trasformare la piccola azienda di famiglia in un marchio globale, che oggi fattura 55 milioni di sterline e vende 5 miliardi di caramelle l’anno, in 100 Paesi. “La commessa diventata imprenditrice”. Così la definisce il Sun.

A 15 anni Doreen iniziò a lavorare come commessa. Nel 1960 sposò Alan Lofthouse. Dallo loro unione nacque Duncan. La donna si occupò degli affari di famiglia. Iniziò a vendere le Fisherman’s Friend su un furgone in tutto il nord ovest dell’Inghilterra. Poi convinse grandi catene, come la farmaceutica Boots, ad acquistare le caramelle “dei pescatori”. Nel 1973 divorziò e si risposò con il nipote di Alan, Tony.

“Era un’imprenditrice di grande talento e un’innovatrice”: così l’ha ricordata il figlio lo scorso 31 marzo, annunciando la sua scomparsa.

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.