Microsoft ai dipendenti: “Flessibilità e lavoro da casa, anche dopo la pandemia”

1
980
microsoft
Foto di Coolcaesar da Wikimedia Commons

“Smart working per sempre? No, grazie”. Era stata questa la posizione iniziale di Satya Nadella rispetto all’ipotesi di estendere il lavoro da casa senza limiti, anche nel post Covid. Ora però il Ceo di Microsoft apre a nuove possibilità. In una guida interna, resa nota dal sito The Verge, l’azienda di Redmond ha stabilito che alcuni dipendenti, se vorranno, potranno optare per lo smart working permanente. «Non ci stiamo impegnando a far lavorare ogni dipendente da qualsiasi luogo», ha precisato poi Microsoft sul suo blog, «visto che crediamo nel valore dello stare insieme sul posto di lavoro».

In effetti l’azienda sposerà un modello ibrido (nulla a che vedere con il caso Twitter). La maggior parte dei ruoli potrà ricorrere allo smart working per meno del 50% delle ore settimanali. Altri, dietro approvazione dei manager, potranno lavorare sempre in remoto. In tal caso i dipendenti rinunceranno ad avere uno spazio fisso in ufficio, ma potranno usufruire di alcune postazioni quando si troveranno in sede. Alcune funzioni, non compatibili con il lavoro a distanza, continueranno a lavorare in presenza.

Flessibilità su luogo e orario di lavoro

«Negli ultimi mesi, abbiamo imparato tanto su produttività, flessibilità, resilienza ed empatia. Abbiamo lavorato in modi che non avremmo mai creduto possibili» ha scritto Kathleen Hogan, Chief People Officer di Microsoft. «Andando avanti, il nostro obiettivo è offrire la massima flessibilità possibile per supportare gli stili di lavoro individuali, bilanciandoli con le esigenze aziendali e assicurandoci di vivere la nostra cultura».

«Non esiste una soluzione valida per tutti» dice Hogan. Da qui l’idea di fornire delle indicazioni sui possibili scenari aziendali futuri. Le linee guida includono considerazioni su luogo e orario di lavoro. «La flessibilità dell’orario è già considerata uno standard per la maggior parte dei ruoli» sottolinea Microsoft. Anche se il part-time resterà soggetto all’approvazione del manager, la guida faciliterà un dialogo più aperto tra manager e team, consentendo scelte ad hoc in base alle esigenze di lavoratori e azienda.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. Bellissima iniziativa,fare impresa è difficile ma oggi ancora di più. Peccato che le ultime generazioni per instabilità dei mercati facciano figli più tardi e l iniziativa è promossa per le madri under 30. Dovrebbero rivedere gli anni e metterli almeno a 35 se non addirittura a 40. Le donne hanno voglia di fare impresa soprattutto dopo questa pandemia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.