Pasti gratuiti a domicilio: l’idea di Pellegrini per aiutare bisognosi e anziani

5296
pellegrini pasti

79 anni, figlio di contadini, Ernesto Pellegrini, imprenditore ed ex presidente dell’Inter, ha iniziato a lavorare subito dopo il diploma in ragioneria come contabile in una ditta. Appena 24enne, nel 1965, ha fondato l’Organizzazione Mense Pellegrini, oggi Pellegrini Spa, una grande impresa con più di 9.500 collaboratori e 640 milioni di fatturato (2019), che si occupa di ristorazione aziendale, servizi integrati, welfare. In una vita di sacrifici e successi, l’imprenditore non ha dimenticato le persone più bisognose. Nel 2014 ha aperto un ristorante solidale che ogni giorno dà da mangiare a 350 persone. Oggi, con l’emergenza economica dovuta al Coronavirus, ha deciso di distribuire a domicilio pasti gratuiti ad anziani e persone in isolamento.

«Da orgoglioso figlio di ortolani, ho vissuto le difficoltà e la fame della guerra e dell’immediato dopoguerra e mi rendo dunque pienamente conto di quanto sia difficile affrontare la vita in certi momenti delicati, se non c’è solidarietà» racconta in una nota condivisa dal Centro Studi Grande Milano.

«Subito dopo la chiusura dell’Italia, l’11 marzo, con mia figlia Valentina che mi affianca in qualità di vice presidente, abbiamo voluto fare un gesto di solidarietà, dedicato espressamente ai più fragili, facendo la cosa che sappiamo fare meglio: ristorare le persone».

Dal 16 marzo al 15 giugno Pellegrini produrrà e distribuirà 50mila pasti gratuiti al giorno, in 19 Comuni italiani, quelli dove l’azienda ha un centro cottura. Saranno consegnati soprattutto ad anziani e alle persone più sole e più fragili.

«Noi italiani abbiamo affrontato crisi di ogni tipo, guerre e privazioni. Ci siamo sempre rialzati con orgoglio e unità. Succederà anche questa volta» dice Pellegrini.

Intanto a Milano il ristorante solidale, dove basta un euro per pagare una cena, continua a consegnare ogni sera centinaia di pasti da asporto. La sala è chiusa, nel rispetto delle misure di sicurezza, ma il servizio è sempre rimasto attivo. Pellegrini, nel 2014, ha chiamato il ristorante di via Gonin “Ruben”, come il contadino che lavorava per i suoi nonni.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.