Silvia Candiani, ad di Microsoft Italia: «Scegliete le materie scientifiche (soprattutto se siete donne)»

4777
Silvia candiani Microsoft Italia donne
Silvia Candiani, amministratore delegato di Microsoft Italia

In occasione della Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza, istituita dall’Onu per promuovere equità e inclusione, ecco “la lettera a mio figlio” di Silvia Candiani, ad di Microsoft Italia. Pubblicata su Millionaire, è un invito (valido sempre) ai giovani, e soprattutto alle ragazze, a scegliere le materie STEM. E un’esortazione a tutti noi a impegnarci per sradicare i pregiudizi.

«In un momento di profondi cambiamenti come quello attuale, vorrei rivolgere un pensiero ai ragazzi che proprio in questi anni si accingono a fare scelte cruciali per il loro futuro. Penso ai miei due figli, a tutti gli adolescenti e alle giovani donne che, in un mondo completamente rivoluzionato dall’emergenza sanitaria, si trovano a dover delineare il proprio percorso formativo e professionale, scegliendo la strada dell’università o l’ingresso nel mondo del lavoro e che probabilmente si stanno ponendo la fatidica domanda “Cosa voglio fare da grande?”. Arduo per le nuove generazioni riuscire a darsi una risposta. Lo è stato per tutti noi, anni fa. Figuriamoci quanto complesso sia ora, in un mondo che già prima della pandemia cambiava a ritmi molto più rapidi rispetto a prima.

Penso soprattutto alle ragazze che vedono la parità di genere nel mondo del lavoro come ancora un obiettivo lontano. Purtroppo le notizie di attualità che continuiamo a leggere non sono confortanti da questo punto di vista. Nel nostro Paese ci sono settori, come quello dell’innovazione digitale e delle nuove tecnologie, dove la rappresentanza di genere è ancora lontana. Mercati dove le opportunità di lavoro continueranno a crescere nel prossimo futuro e dove sono sempre più necessarie figure professionali qualificate.

Ecco, quello che suggerisco a tutti i ragazzi, e in particolare alle ragazze, è di essere coraggiosi e di scegliere le materie STEAM (scienza, tecnologia, ingegneria, arti e matematica, ndr).

Secondo dati recenti, per esempio, nonostante le studentesse che si iscrivono all’università siano più numerose dei coetanei maschi, solo il 18% sceglie una laurea in discipline scientifiche (Report AlmaLaurea).

Numerosi sono i fattori che scendono in campo nella decisione. Primo fra tutti, permane ancora quello stereotipo secondo cui le donne e le materie scientifiche non siano compatibili, pregiudizio che inevitabilmente crea una sorta di barriera psicologica per le donne, che fin da bambine sono portate a sentirsi inferiori ai maschi in questi ambiti.

La mancanza di modelli femminili a cui ispirarsi è purtroppo un altro deterrente, oltre all’annoso problema del gender pay gap, trasversale a tutti i settori.

Se siete appassionate di matematica e vi piacciono le materie scientifiche, non rinunciate alla vostra passione per paura di non farcela o perché temete i pregiudizi che purtroppo pervadono ancora la nostra società.

I trend digitali come l’intelligenza artificiale e il Cloud stanno creando opportunità straordinarie di crescita per il nostro Paese. E tutte voi potete scegliere questa strada e contribuire a creare un futuro migliore. Il nostro compito, delle aziende e delle istituzioni, è quello di impegnarci affinché nella società odierna siano sradicati questi pregiudizi e di aiutarvi a comprendere che la tecnologia è uno strumento a disposizione di tutti gli individui, grazie al quale esprimere la propria creatività, creare nuove soluzioni, trovare nuovi sbocchi professionali.

Nell’azienda in cui lavoro siamo molto attenti a tutti questi aspetti. Ci impegniamo a dare un contributo concreto in questo senso, facendo leva sulla nostra esperienza e sul lavoro sinergico con i nostri partner. Crediamo fortemente nella possibilità di ispirare anche altre aziende a seguire il nostro esempio. Per valorizzare la diversità e per promuovere in generale percorsi di studio nelle materie scientifiche tra i giovani.

Con Ambizione Italia, per esempio, un progetto molto ampio di formazione, aggiornamento e riqualificazione delle competenze in chiave digitale rivolto sia a studenti e studentesse sia ai professionisti, vogliamo accelerare la trasformazione digitale del Paese e sostenere l’occupazione e la crescita. Abbiamo formato 2 milioni di italiani e puntiamo a raggiungerne 3 entro settembre 2022. Collaboriamo inoltre da diversi anni con Fondazione Mondo Digitale nel contesto del programma Coding Girls, che da un lato offre alle ragazze competenze digitali per immaginare il loro futuro in un percorso di studi STEAM, dall’altro le affianca anche con sessioni di role modeling, mettendo in connessione le studentesse con le colleghe che ogni giorno affrontano le sfide di inclusione all’interno di contesti professionali.

Quindi avanti tutta, il futuro aspetta solo di essere creato, da voi!».

Silvia Candiani

Da Millionaire di agosto 2021. 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedentePlanet Farms annuncia un round da 30 milioni di euro
Prossimo articoloChiara Marletto, la scienziata italiana che rivoluziona la fisica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.