fbpx
Valeria Cagnina

Valeria, 17 anni e una scuola di robotica per tutti: «La prima regola? Niente è impossibile»

Nella sua scuola di robotica non ci sono banchi, sedie né scarpe. Bambini e ragazzi che partecipano ai corsi sono chiamati “dreamers”. Ed è meglio parlare di incontri anziché di lezioni. Anche perché sulla teoria vince la pratica. Non siamo in Silicon Valley, ma ad Alessandria. Lei è Valeria Cagnina, 17 anni, tanto entusiasmo e una grande passione per robot, coding e tecnologia che l’hanno portata fino al MIT di Boston, nel 2016, e poi in giro per il mondo, tra conferenze, eventi, speech. Vi avevamo raccontato la sua storia un anno fa. Parlando dei suoi sogni per il futuro Valeria ci aveva detto: «Vorrei avere una mia azienda nel settore della formazione, con un metodo innovativo per l’insegnamento attraverso la tecnologia e la robotica». Ecco, oggi quel progetto è realtà.

Insieme al socio Francesco Baldassarre, 25 anni, Valeria ha messo in piedi una vera e propria impresa. «Ci siamo conosciuti grazie a una sua ex professoressa che ha condiviso sui social l’articolo di Millionaire con la mia storia! Francesco è rimasto folgorato dalla mia esperienza al MIT, mi ha chiesto l’amicizia su Facebook. Quando ho fatto la call per cercare collaboratori, si è candidato e ha passato tutte le selezioni. Abbiamo cominciato a collaborare di sera, nei weekend, agli eventi. Abbiamo la stessa visione, così la decisione di diventare soci è stata naturale». Formalmente Valeria dovrà aspettare la maggiore età. «Mi farò il regalo per i miei 18 anni!». Ma di fatto è già la founder della sua impresa.

Per dedicarsi a tempo pieno alla scuola di robotica, Francesco ha lasciato un lavoro a tempo indeterminato. Valeria non frequenterà l’ultimo anno delle superiori. Ma non ha nessuna intenzione di lasciare gli studi. Ha già superato il test di ammissione al Politecnico di Milano, con un anno di anticipo. «Darò l’esame di maturità da privatista, è stata una scelta obbligata» dice Valeria, che racconta di non essere stata capita dalle scuole per le sue passioni. «Avrei dovuto mollare tutto e non fare più assenze. Impossibile!».

La scuola, i “dreamers” e le 10 regole

«Organizziamo tanti corsi diversi, laboratori, eventi, fiere, summer camp, percorsi strutturati nelle scuole. Ci rivolgiamo a: bambini (da 3 anni) e ragazzi, cui facciamo costruire robot in poche ore o progetti più complessi in 2-4 giorni, una settimana o con pacchetti da 10/15 lezioni; insegnanti di scuola, con corsi certificati MIUR, per aiutarli a scoprire la robotica e fargli replicare in classe le nostre attività; aziende (e adulti in generale) con team building che utilizzano la robotica in modo alternativo. La nostra base è Alessandria, ma ci muoviamo ovunque in Italia e nel mondo. Andiamo dove ci chiamano!». E Valeria è richiestissima, non solo per i corsi, ma anche per i suoi speech sull’apprendimento divertente.

Il metodo della scuola è sintetizzato in 10 regole. La prima: “Niente è impossibile”. «Un altro modo di apprendere c’è, l’ho visto e l’ho maturato a Boston: con curiosità, divertimento, interesse, non con noiose lezioni frontali che spesso risultano inutili. I nostri Dreamers devono divertirsi, devono imparare divertendosi e devono essere incuriositi dalla conoscenza. Imparano team working, reverse mentoring. Dividiamo i gruppi per competenze acquisite, non per età, e facciamo collaborare età molto diverse».

Il futuro? Pieno di progetti

Adesso sono in corso i summer camp ad Alessandria. «Ne faremo anche a Milano, Roma, in Abruzzo, forse in Sardegna. Saremo a Bruxelles per i summer camp della Boeing e a Monaco per quelli di Allianz. Probabilmente porteremo i nostri laboratori alla Maker Faire a New York a fine settembre. Siamo già stati a San Francisco a fare attività con i bambini di una scuola internazionale».

Finita l’estate inizieranno le attività nelle scuole, i corsi pomeridiani per i “dreamers” di Alessandria e le lezioni a distanza su Skype.

«Il futuro? Lo vedo felice. Francesco ed io abbiamo mille progetti, mille preventivi, incontriamo tantissime persone di livelli esagerati che ci fanno crescere ogni giorno di più. Non sono mai stata così felice!»

Info: https://valeriacagnina.tech

Il pannello solare più sottile del mondo

Dal MIT di Boston arriva il pannello solare, spesso quanto un foglio di carta, in grado di rendere qualsiasi superficie fotovoltaica   Un pannello solare

Robot, non solo umanoidi

Robot “cognitivi” sempre più in grado di sostituirsi agli uomini in una serie di servizi. Robot per l’industria. Robot a guida autonoma. Da Elon Musk

Terna entra nel venture capital con 50 milioni

L’obiettivo è quello di accelerare l’innovazione e la transizione energetica attraverso l’utilizzo del know-how di piccole, medie e grandi startup.   Terna, il gruppo che

La provocazione della “città senza uffici”

Smartworking e nomadismo digitale come driver per il riuso di spazi urbani e la riappropriazione di luoghi apparentemente distanti dall’immaginario lavorativo.   La città senza

Yara Birkeland: la prima nave elettrica a guida autonoma

L’evoluzione nautica si pone l’obiettivo di diminuire le emissioni di un settore altamente inquinante.   Navi mercantili completamente robotizzate, capaci di scivolare silenziosamente sugli oceani

Galactica: il big flop di Mark Zuckerberg

Secondo l’AI Galactica, il nuovo progetto di Mark Zuckerberg, mangiare vetro porterebbe benefici alla salute degli esseri umani.   Ultimamente quando si sente parlare di

Fiumicino: arriva il robot che ti consegna la spesa

A solo un mese dall’annuncio di Innovation Hub, l’Aeroporto Internazionale di Roma Fiumicino diventa il primo aeroporto in Europa a utilizzare “Ottobot” per consegnare ai

I costi dell’AI Act sulle imprese

Secondo una ricerca, l’attuazione delle normative europee sull’intelligenza artificiale potrebbe costare meno del previsto.   Da diverso tempo ormai l’Unione europea sta lavorando alla realizzazione

Nato: un miliardo di dollari per le startup

La Nato istituisce il suo primo fondo e acceleratore per lo sviluppo di startup per il rafforzamento delle tecnologie nell’ambito della difesa internazionale.   La

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.