Zuckerberg presenta Libra, la criptovaluta di Facebook

0
2284
Foto Flickr Anthony Quintano - Facebook F8 2017 San Jose Mark Zuckerberg

Dopo le indiscrezioni dei mesi scorsi, oggi Facebook annuncia ufficialmente la sua moneta virtuale, una stablecoin basata su blockchain. Si chiamerà Libra e sarà disponibile dal 2020. A gestirla, insieme al social di Mark Zuckerberg, ci saranno 27 partner, grandi nomi come Visa, Mastercard, Paypal e Vodafone, riuniti nell’organizzazione non profit Libra Association. Per aderire ogni impresa ha investito almeno 10 milioni di dollari. In più Facebook ha creato Calibra, una sussidiaria che offrirà agli utenti portafogli digitali per la gestione delle libre e che sarà collegata a Messenger e Whatsapp.

libra criptovaluta facebook“La missione di Libra è quella di creare una semplice infrastruttura finanziaria globale accessibile a miliardi di persone in tutto il mondo” spiega Zuckerberg in un post. “Poter usare il denaro da mobile può avere un enorme impatto positivo sulla vita delle persone… Soprattutto per chi non ha accesso alle banche tradizionali o ai servizi finanziari. In questo momento, circa un miliardo di persone non ha un conto in banca ma ha un cellulare”. Considerando i numeri dei social di Zuck, potenzialmente la nuova criptovaluta conta già su una platea di oltre 2 miliardi di utenti.

Inizialmente Calibra permetterà di risparmiare, inviare o ricevere denaro tramite smartphone. In seguito, “speriamo di offrire più servizi a persone e imprese: come pagare le bollette, comprare un caffè o prendere i mezzi” aggiunge Zuckerberg. Nel suo post, l’imprenditore assicura massima sicurezza e tutela della privacy, promettendo anche di rimborsare i clienti in caso di frode.

L’associazione Libra punta a coinvolgere anche altri partner e arrivare a 100 membri entro il prossimo anno.

Info: https://libra.org

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.