A Valeria Cagnina, la 18enne dei robot, un premio speciale per l’innovazione

0
2796
valeria cagnina

È giovanissima, inarrestabile, una promessa della robotica e della didattica. Impara e insegna, partendo dalla regola “Niente è impossibile”. A 11 anni Valeria Cagnina ha creato il suo primo robot, a 15 ha partecipato a un progetto del Mit di Boston. A 17 è stata inserita tra le Inspiring Fifty, le 50 donne italiane più influenti nel mondo della tecnologia. E ha avviato la sua scuola di robotica OFpassiON, insieme a Francesco Baldassarre. Vi abbiamo raccontato qui la sua storia. Oggi Valeria ha ricevuto l’Angi Innovation Leader Award, un riconoscimento speciale nell’ambito del Premio Angi dedicato ai giovani innovatori italiani.

Il 17 dicembre si terrà la cerimonia alla Camera dei Deputati. E saranno assegnati i premi per categoria agli under 40 che più si sono distinti nel 2019.

«Spero che il mio esempio faccia venire ai giovani la voglia di cambiare e innovare» ha commentato la 18enne di Alessandria.

Durante la conferenza di oggi a Roma, alla Presidenza del Consiglio, sono stati presentati anche i dati dell’Osservatorio Giovani e Innovazione. Secondo il rapporto, la conoscenza dei social network è ritenuta fondamentale per il 29% dei ragazzi. Il totale del campione, che comprende anche adulti e anziani, si ferma al 16%. Percentuali distanti anche sugli strumenti digitali, importanti per i giovani (31%), meno nel complesso (19%). Tra i valori primari indicati dai ragazzi c’è l’ambizione (34%). L’impresa innovativa, secondo le nuove generazioni, dovrebbe basarsi su investimenti in strumenti e tecnologie d’avanguardia (34%) e su un management giovane (23%).

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.